Ex-ospedale rifugio dei senzatetto. CNA: "Si proceda celermente a bonifica" | | Password Magazine

Ex-ospedale rifugio dei senzatetto. CNA: "Si proceda celermente a bonifica"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il vecchio ospedale già dimora dei senzatetto. Voci circolanti e luci sospette durante la notte all’interno dell’edificio sembrerebbero confermare la presenza di vagabondi, probabilmente entrati dalle finestre dell’ex laboratorio, per ripararsi dai rigori della notte.

Secondo quanto detto dall’Asur, l’azienda sanitaria regionale che è proprietaria dei locali, entro dicembre dovrebbe arrivare il cemento che permetterà di sigillare la struttura e murare gli accessi, una volta completata l’opera di recupero del materiale rimasto all’interno dell’edificio, tra cui attrezzature mediche e vecchi letti. “Una soluzione tampone – fa sapere comunque il sindaco Bacci – che permetterà solo temporaneamente di fronteggiare la situazione”. La soluzione auspicata dall’Amministrazione comunale è infatti la demolizione, prevista anche dal piano di recupero, dato che la manutenzione straordinaria dell’edificio per un eventuale riutilizzo sarebbe comunque molto onerosa.

Cresce inoltre anche la preoccupazione dei commercianti e dei residenti di viale della Vittoria tant’è che CNA Jesi e Vallesina sottolinea con forza, tramite il suo segretario Elisabetta Grilli, allarme e timori legati al destino dell’ex ospedale in via d’abbandono.

“Che non diventi per cittadini, residenti, operatori economici dell’area, problema irrisolto e legittima fonte di preoccupazione per anni –  evidenzia Grilli – Si proceda celermente a bonifica e messa in sicurezza. Perché una struttura di quelle dimensioni e con tutte le molteplici possibilità di accesso alla stessa che sono sotto gli occhi di tutti, rischia davvero di divenire, in pieno centro città, fonte di problematiche ed emergenze concrete sul fronte sicurezza”.

E incalza: “L’area dove sorge il vecchio ospedale, a cavallo fra viale della Vittoria e Corso Matteotti, è per tradizione caratterizzata da una importante presenza commerciale e non solo. L’esperienza purtroppo insegna come il lasciare per troppo tempo ampi contenitori in abbandono nei contesti urbani provochi ovunque le stesse conseguenze. Non solo il disastro materiale della struttura, con tutto ciò che ne consegue per la sicurezza di chi si trova a vivere ed operare vicino alla stessa. Ma anche e soprattutto l’aprirsi di un “vulnus” irrimediabile nelle zone coinvolte, dove si finisce per lasciare alla mercé di intrusi, sbandati, malintenzionati larghi spazi dove fare dimora ed anche praticare attività illecite. Questo non accada al vecchio ospedale del viale. In questa fase, già così travagliata sul fronte sicurezza, è un errore che la città di Jesi e direi tutta la Vallesina non si possono permettere”.

Infine da CNA Jesi e Vallesina la raccomandazione: “L’ex Ospedale Civile non sia per il centro della città un secondo e notevolmente più drammatico caso Politeama, nel quale l’immobilismo di molti sul fronte delle possibilità di recupero finisca non solo per impedire la possibile creazione di lavoro ma anche per creare danni, forse irreparabili, al tessuto sociale e civile”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.