"Federico II Stupor Mundi", inaugurato in pompa magna un museo unico | | Password Magazine

“Federico II Stupor Mundi”, inaugurato in pompa magna un museo unico

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il museo “Federico II Stupor Mundi” è finalmente realtà. L’inaugurazione in pompa magna, stamattina primo luglio, nella splendida cornice di Palazzo Ghislieri che ospita le sale museali, 16 stanze su tre livelli. Tutte da scoprire e da ammirare.

 

A fare gli onori di casa, nel cortile del Palazzo, l’ingegner Gennaro Pieralisi, artefice massimo – ci ha messo, oltre al sogno, un milione di euro – della  realizzazione, la quale finalmente rende onore a un grande figlio della nostra città.

Sotto la tensostruttura allestita per l’occasione non c’era un posto libero. Amministratori locali e regionali, Sindaci della Vallesina, Sindaco di Melfi, consiglieri comunali, tanta gente, assiepati tutti per non perdersi un momento che varrà la pena di raccontare, in futuro.

“Ci siano ricordati di Federico II – ha detto nel suo intervento l’ingegnere – quando abbiamo realizzato l’albergo. Poi sono venuti un parrucchiere, un’agenzia viaggi, un treno, altre attività che portano il suo nome. Ma questa, finalmente, è l’opportunità che lo vede rinascere una seconda volta. Un museo virtuale consente cambiamenti inimmaginabili che  potranno renderlo sempre nuovo. Quasi eterno”.

Gennaro Pieralisi sprizza orgoglio e amore per la sua città. Un amore senza confini, che marchia una vita. Tanto che ricorda i fasti della Jesi punto di riferimento non solo della provincia, ma dell’intera regione.

“In questa città è passato di tutto: prima camera del lavoro femminile, Banca d’Italia, primo centralino telefonico automatico, aeroporto e fabbrica di aerei, filande, forte tessuto industriale in una realtà contadina, istituti di credito. Dobbiamo ritornare ad essere quello che eravamo. Dobbiamo rimboccarci le maniche per onorare la nostra storia millenaria e questa del museo è una splendida opportunità per riportare Jesi in quella dimensione che merita”.

Lungo l’applauso, e non poteva essere altrimenti.

Ad inaugurare la serie di interventi, il sindaco Massimo Bacci, che ci teneva tantissimo ad esserci in qualità di primo cittadino in questa circostanza. Le elezioni gli hanno dato ragione e lui non ha nascosto la sua “felicità, perché si corona un sogno. Da un grande atto di mecenatismo, quello di Pieralisi, insieme alla Fondazione Marche, abbiamo l‘opportunità di rilanciare l’immagine di Jesi”.

Quindi è stata la volta di Francesco Merloni, nella veste di presidente della Fondazione Marche che ha contribuito con un milione e mezzo, Peter Aufreiter, direttore della Galleria Nazionale delle Marche, che ha portato i saluti del ministro Dario Franceschini, dell’assessore regionale alla cultura Moreno Pieroni, per il quale “sarà necessario creare una intesa per permettere una promozione su vasta scala di questo museo unico”.

Intervento anche dell’on. Valentina Vezzali, che fa parte della commissione cultura della Camera, la quale non ha nascosto  la sua soddisfazione per una realizzazione degna di una grande personaggio e di una città della quale essere orgogliosi.

Taglio del nastro a cinque, con Gennaro Pieralisi, Francesco Merloni, Massimo Bacci, William Graziosi, Peter Aufreiter.

E poi il via alla scoperta delle sale museali. Un tesoro da preservare a da far conoscere a tutto il mondo.

Il bello inizia adesso.

Pino Nardella

 

Sulla pagina Facebook tutte le video interviste.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.