Food&Fine Mixology a Filodivino, un’alchimia di gusto, arte e sapori - Password Magazine

Festival Pergolesi

Food&Fine Mixology a Filodivino, un’alchimia di gusto, arte e sapori

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Alberto Gandolfi, fondatore di Filodivino, e Marta Mancini, pittrice Jesina.

SAN MARCELLO – FOOD&FINE MIXOLOGY. Oggi 6 maggio e domani 7 maggio Filodivino Wine and Resort Spa vi condurrà in un viaggio all’insegna del buon cibo, cocktail originali, arte e sostenibilità, un viaggio che nasce dall’incontro delle creazioni di fine dining dello chef Andrea Alessandrelli con i drink del Cocktail Designer Alessandro Di Gregorio, accompagnati dalle opere della pittrice jesina Marta Mancini.

Il percorso inizia nella suggestiva cantina, realizzata dall’arch. Cristiana Dell’Acqua, scavata all’interno della collina come per essere parte integrante del territorio senza modificarlo né rovinarlo. La degustazione dei cocktail di Di Gregorio a base di vini Filodivino e prodotti delle Marche e di aperitivi che richiamano le tradizioni marchigiane, cede il passo alla visita della cantina, guidata dal fondatore di Filodivino Alberto Gandolfi. Alberto e sua moglie Alida, entrambi milanesi, si sono innamorati  delle colline di San Marcello e dei suoi vini, e qui hanno deciso di iniziare una nuova vita. Aprono le porte della cantina e del loro mondo ai visitatori, poiché uno dei capisaldi della filosofia di Filodivino, oltre la sostenibilità, è la condivisione: condividere le bellezze delle colline e della storia marchigiana, con eleganza e rispetto della tradizione.

In cantina sono esposte le opere della pittrice Marta Mancini, la serie Colline, olio su carte del 2020, e la serie Oblio, olio su tela del 2021.«Sono opere astratte, immergetevi nei lavori- spiega Marta Mancini- non amo spiegare i miei lavori, ma credo che ognuno di voi possa dare la propria interpretazione; penso che sia come il vino, uno lo può raccontare ma poi va bevuto. I dipinti della serie Colline sono lavori su carta dove il colore viene tirato, è molto delicato come effetto ma c’è un lavoro fisico notevole. Il colore va steso e tolto con forza per creare venature. Il titolo viene dato sempre dopo, questa serie è stata chiamata così, ma nasce da un input interno». Le etichette di due vini della cantina, Soara, Lacrima di Morro d’Alba Superiore DOC bio, e Albae, Marche Rosato IGT bio, riprendono particolari di alcuni dipinti, per Soara un dipinto della serie Colline, dedicato alle colline marchigiane, che riprende la morbidezza e le sfumature di colore del territorio, mentre per Albae uno della serie Oblio, l’oblio della notte che lascia il posto all’alba. La collaborazione tra Filodivino e Marta Mancini non si limita alle etichette o all’esposizione temporanea della opere in cantina: i suoi dipinti sono istallati in ogni camera e suite del resort, un arricchimento per l’ambiente elegante e semplice, e anche in altri ambienti come la reception.

CCC846E0-B2B4-458E-92D4-18906E507FC0
Alberto Gandolfi, fondatore di Filodivino, e Marta Mancini, pittrice Jesina.
806DC711-4BB6-4567-8EF3-B74DE411802D
Dipinti della serie “Colline” di Marta Mancini, esposti nella cantina di Filodivino.

La serata di sabato 7 maggio, dopo la visita e la degustazione dei cocktail presentati dal Cocktail Designer Alessandro Di Gregorio, continua in veranda con un menu degustazione firmato dal giovane Chef di Filodivino Andrea Alessandrelli. I drink sono creati con prodotti locali quali verdicchio di Filodivino, grappa, erbe dei Monti Sibillini, e vengono serviti in forme e consistenze diverse a seconda del piatto a cui sono abbinati e non mancano effetti visivi e sensoriali. Alessandro Di Gregorio, mixologist siciliano di nascita e francese di adozione, dopo un lungo percorso lavorativo in ristoranti stellati europei e orientali, mette a punto Potiones, il suo concetto di gastromixology, esperienza di gusto che unisce cucina e cocktail ispirata al concetto di cucina liquida. Le creazioni di Di Gregorio vengono abbinate alle portate della degustazione di Andrea Alessandrelli, che propone metodi di cottura ancestrali e innovativi, utilizzando prodotti della tradizione locale ed erbe spontanee in tecniche di fermentazione e affumicatura, esprimendo al meglio il territorio marchigiano con creatività ma anche con sostenibilità: la cucina di Alessandrelli, come da lui affermato, è sostenibile e ogni elemento viene utilizzato per ridurre al minimo gli sprechi alimentari. Lo Chef marchigiano Andrea Alessandrelli, dopo un viaggio che lo ha portato a lavorare in Umbria, Costiera Amalfitana, Danimarca e Londra, è tornato alle origini e guida una brigata giovane e talentuosa in mezzo alle campagne della terra marchigiana.

2C7A4E7D-8E11-4927-8C86-557441FD1B3E
Una delle creazioni di Alessan.dro Di Gregorio e Andrea Alessandrelli

 

A cura di Chiara Petrucci              

 

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.