Fumetti: Death Notes, il nuovo manga in serie | Password Magazine
Festival Pergolesi

Fumetti: Death Notes, il nuovo manga in serie

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Nel 2003 viene pubblicato un manga (uno dei tanti) ideato e scritto da Tsugumi Oba e disegnato da Takeshi Obata dal nome Death Note, ovvero il Quaderno della Morte. La trama gira intorno alle vicende dello studente modello Light Yagami, ragazzo spigliato e annoiato della vita frenetica e violenta nella città di Tokyo. La storia colpisce subito: Light ritrova casualmente un quaderno con la frase “L’umano il cui nome verrà scritto su questo quaderno morirà“. Questo quaderno dai poteri soprannaturali è stato gettato sulla terra dallo shigami (cioè la personificazione della morte nella mitologia giapponese) Ryuk, anch’egli annoiato dall’infinita vita monotona di immortale, con lo scopo di creare scompiglio o studiare più approfonditamente l’animo umano. L’oggetto dona a chi l’utilizza il potere di uccidere semplicemente scrivendo il nome della vittima sul quaderno. Con questo oggetto, visto da Light come risposta alla sua sete di giustizia, il ragazzo intende eliminare tutti i criminali per plasmare un mondo senza male. Ad indagare sulla serie esorbitante di morti inspiegabili arriva l’ispettore Elle, un famosissimo agente dell’Interpol, che capisce che il Killer risiede in Giappone e che può uccidere a distanza. In 37 episodi si snodano sotto-trame fittissime, che porteranno a continui colpi di scena.

Una differenza sostanziale dagli altri manga tradotti in anime sta proprio nel prodotto seriale finito, che gli spettatori (tra i più giovani avvicinatisi alle serie Tv) giudicano positivamente. In 37 episodi tutto comincia e tutto finisce, con il giusto tempo di narrazione e sospensione. Dimentichiamoci quindi intere estati e infiniti inverni passati davanti al televisore per vedere la fine di Dragon Ball o per sapere se finalmente Holly riesce a vincere il mondiale. Il concept di Death Note è creato apposta per lasciare “l’amaro in bocca”, il senso di insoddisfazione che ci fa esclamare “già finito?”.

Effettivamente il processo di creazione, nato quando Tsugumi Oba realizzò le bozze per la casa editrice Shueisha, è improntato sulla differenziazione dalle altre serie, come dichiara lo stesso autore: “ho voluto creare una serie ricca di suspense perché non mi sentivo in grado di fare un manga di combattimenti e ho considerato che non c’erano molte serie su questo tema“. Nella trasposizione Anime gli sceneggiatori, tra cui Toshiki Inoue, sceneggiatore anche di Ranma 1/2 e Detective Conan, hanno voluto concentrarsi solo su determinati aspetti del manga, portando in evidenza la simbologia di sfondo cristiano. Nel saggio di Davide Caci, Death Note. Uno studente modello e il dio della morte, vengono riportati meticolosamente tutti i riferimenti simbolici e i paralleli biblici.

Un saggio che sta a sottolineare lo spessore di una serie che con il “cartone animato” classico ha poco a che vedere

 

 

A cura di: Giuseppe De Lauri

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.