Castelbellino, l'Albero si farà

CASTELBELLINO –  Positiva la conclusione della trattativa tra Pro Loco, Banda Musicale e Circolo I maggio, che costituiscono il Comitato Castelbellino il Paese dell’albero ed i proprietari dei terreni sui quali insiste l’albero. “E’ una bella tradizione che dura da undici anni, e in un momento in cui ci sono gravi difficoltà per i cittadini e tutto sembra profondamente grigio e difficoltoso, siamo lieti di comunicare che la struttura verrà installata anche per le festività 2013 – fa sapere l’assessore alla Cultura Massimo Costarelli –  Come ogni anno continuerà ad essere completamente finanziata grazie all’impegno dei volontari delle associazioni, agli sponsor privati e alle aziende che con sacrificio sostengono economicamente struttura e manifestazioni collegate, alla generosità dei proprietari dei terreni che forniscono il comodato gratuito dei loro beni; cioè tutti soggetti ed attori di una municipalità fatta di persone che perseguono un, seppur simbolico, bene di interesse tradizionale che interessa tutta la vallata della media Vallesina”.

Con questa certezza, le associazioni guidate dai presidenti Livio Amici, Aurelio Rossini e Silverio Cingolani, con il coordinamento dell’assessore al turismo Massimo Costarelli sono già al lavoro per recuperare il ritardo accumulato: sono quindi confermate la Festa per l’Accensione dell’Albero il 1 dicembre e i Mercatini Natalizi l’8 dicembre. Appuntamenti ormai consolidati che godono di una partecipazione straordinaria di pubblico e di un elevato riconoscimento di immagine. Come sempre, l’albero luminoso farà compagnia a tutti coloro che si avvicineranno e passeranno attraverso il territorio di Castelbellino e accompagnerà lo sguardo con il riflesso della sua luce verde di 73 neon perimetrali collegati da 7000 metri di cavi, con la sua lunghezza massima di 434 metri in un dislivello di quota altimetrica di 134 metri, un perimetro di 1012 metri ed un’area di 21360 metri quadrati. Perchè la verità di questo bell’addobbo, risiede anche nei numeri oltre che nel suo caldo scenario evocativo del Natale.

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*