"Furto a Palazzo Ripanti", è a fumetti la prima audioguida interattiva del Museo Diocesano

 

JESI – Si chiama “Furto a Palazzo Ripanti” ed è la prima audioguida interattiva di un museo della città sotto forma di fumetto.

Il progetto, promosso da Diocesi di Jesi e Museo diocesano in collaborazione con la Scuola Secondaria di Primo Grado Lorenzini e la Scuola Internazionale di Comics, comprende anche  l’app. Izi.travel, la mostra “Fumettisti all’opera” e il nuovo blog del Museo.

Sabato 26 novembre alle ore 17.30 presso la Sala Conferenze della Biblioteca Diocesana Card. P. M. Petrucci (piazza Federico II, 7/B – Jesi) sarà presentato anche il prodotto finale di questo lavoro sinergico, reso possibile grazie al sostegno della Fondazione Cariverona

Grazie all’uso combinato dell’app gratuita izi.TRAVEL al fumetto sarà possibile sperimentare un tour multimediale del Museo, creando così due percorsi complementari e paralleli, due esperienze che si integrano, ma che possono essere fatte anche indipendentemente l’una dall’altra.

Prende vita quindi la prima particolarissima guida interattiva del Museo Diocesano e anche la prima tra i musei della città di Jesi, tutta dedicata ai giovani adolescenti: il progetto nasce infatti proprio dall’esigenza di coinvolgere nelle attività del Museo Diocesano quella fascia di pubblico tradizionalmente considerata e definita come non pubblico, ossia i teen-ager: i ragazzi, infatti, non vanno o vanno molto poco al museo.

Da questa constatazione è partita l’idea di creare uno strumento didattico che potesse rendere più piacevole la visita, facendo passare dei contenuti in maniera divertente, così da avvicinare i giovanissimi al museo. Grazie al coinvolgimento della scuola, il Museo Diocesano ha potuto raccogliere preziosi suggerimenti dai diretti interessati: l’idea di realizzare un fumetto nasce proprio così, dall’ascolto delle richieste degli alunni. Sì è deciso di partire dai ragazzi più giovani che frequentano le scuole secondarie di primo grado, un target spesso poco considerato nei programmi di didattica museale: la scuola Lorenzini di Jesi ha prontamente aderito all’iniziativa e, per tutto l’anno scolastico 2015-2016, lo staff del Museo Diocesano ha avviato un lavoro di confronto con gli alunni di 2 A.

L’altro importante partner è la Scuola Internazionale di Comics: i docenti del corso di fumetto, infatti, hanno spiegato agli alunni coinvolti nel progetto come funziona il processo di realizzazione del fumetto, facendoli cimentare in prima persona nel disegno dei bozzetti. Bozzetti che hanno poi ispirato il fumettista Alessandro Giampaoletti nell’esecuzione dell’intera opera.

Il risultato finale? Una narrazione fantasiosa del furto di un’immaginaria reliquia custodita gelosamente nella cappella privata dei conti Ripanti e rubata da un uomo incappucciato durante una festa a Palazzo. Attraverso le bizzarre e improbabili vicende di questo oggetto, ambientati nella Jesi del 1743, si ripercorre uno spaccato reale della storia di Jesi: il tutto sullo sfondo di eventi, realmente accaduti o verosimili, con date e luoghi reali ritratti così come dovevano essere all’epoca e personaggi storici mescolati a quelli di fantasia.

E’ possibile ritirare la tua copia gratuita del fumetto e sperimentare il tour del Museo con l’app izi.TRAVEL

Scarica l’app gratuita   izi-museo-diocesano-jesi    e inizia il percorso  qr_code-furtoapalazzo

La mostra “Fumettisti all’opera” resterà visitabile in Biblioteca Diocesana fino a lunedì 26 dicembre nei seguenti orari: lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì 9-12. Domenica e festivi: 17-20.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*