Gran Finale della Mostra per i 100 anni della nascita del Pittore Bernardo Bosi | | Password Magazine

Gran Finale della Mostra per i 100 anni della nascita del Pittore Bernardo Bosi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “In estrema sintesi” è il titolo della mostra che il Comune di Jesi ha organizzato e promosso in occasione dell’anniversario dei 100 anni delle nascita del pittore Bernardo Bosi, un artista fondamentale per la cultura figurativa e la storia dell’arte del nostro territorio nel secolo scorso. Inaugurata lo scorso 10 Giugno e dislocata in diverse sedi espositive, la grande retrospettiva su Bosi si concluderà domenica 21 Agosto con un omaggio all’artista che si terrà al Chiostro di Sant’Agostino, nel cuore della città antica, negli spazi del suo atelier, là dove la sua arte e le sue opere presero forma e colore. La serata proporrà diversi momenti durante i quali attraverso le immagini delle opere, alcune testimonianze filmate e persino una registrazione originale della voce di Bosi saranno ripercorse le tappe di un percorso artistico assai fecondo, che si tradusse anche e soprattutto in un magistero di insegnamento per tanti giovani artisti.

Un insegnamento fatto non solo dei principi plastici e delle concezioni estetiche in cui si traduceva la sua arte, ma anche nutrito dal suo rapporto con la vita e con le persone del suo entourage fatto di ironia, di provocazioni intelligenti e mai affettate, di una strenua volontà di restare sempre fuori dal coro, divenendo, ma senza alcun sussiego, un vero e proprio magister picturae et vitae. Nella serata conclusiva di domenica, insieme al ricordo di Mario Sasso, antesignano della video arte e della video grafica, autore di gran parte delle sigle dei più importanti programmi della RAI TV nonchè allievo spirituale di Bosi negli anni della giovinezza, ci sarà spazio per un gustoso e originalissimo omaggio in musica, attraverso i testi dei suoi racconti e aforismi musicati in forma di canzone dall’Assessore Rolando Roncarelli, accompagnato da Leonardo Lasca al basso e da Amleto Bosi, figlio dell’artista, alla batteria. Nello spazio che fu l’atelier dell’artista, la sua bottega, come si sarebbe detto un tempo, Giovanni Filosa, altro allievo di un mentore che del talento ironico e del gusto per la battuta tagliente e veloce aveva fatto nei rapporti umani la sua cifra espressiva, condurrà il pubblico in un viaggio  ideale attraverso la poetica pittorica e la visione estetica e morale di un’artista e di un uomo dalla curiosità mai sazia e dallo sguardo sempre aperto sul mondo.

 

HYPERLINK “http://www.comune.jesi.an.it/”www.comune.jesi.an.it

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.