Green pass nei negozi, vaccini, mascherine: le novità dal 1 febbraio | | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Green pass nei negozi, vaccini, mascherine: le novità dal 1 febbraio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Immagine di repertorio

Oggi 1 febbraio 2022 è entrato in vigore il Decreto con le nuove disposizioni per il contenimento e la gestione della pandemia di covid-19, che contemplano nuove regole su Green Pass, obbligo vaccinale, mascherine all’aperto. Il Consiglio dei Ministri varerà in settimana nuove disposizioni riguardanti le scuole e le discoteche.

Per entrare in uffici pubblici quali poste, banche, ma anche librerie, sarà necessario esibire il Green Pass base, che si ottiene con un tampone molecolare o rapido negativo, e il Green Pass rafforzato. Resterà libero l’accesso alle attività di beni essenziali, quali  negozi di generi alimentari, negozi per la vendita di cibo per animali, negozi di vendita igienico-sanitari, farmacie, parafarmacie, ottici, edicole all’aperto e distributori di carburante. La durata del Green Pass rafforzato, che si ottiene tramite guarigione da covid-19 o con vaccinazione, è stata ridotta da 9 mesi a 6 mesi; se la scadenza è prossima bisogna provvedere al completamento del ciclo vaccinale. Il Green Pass booster, per chi avesse ricevuto la somministrazione della terza dose sarà probabilmente di durata illimitata: non ne è ancora arrivata la conferma, ma ancora non sono state date disposizioni sulla quarta dose. Invariata rimane la durata del Green Pass base: 72 ore tramite tampone molecolare, 48 ore tramite tampone rapido o antigenico.

Sempre oggi 1 febbraio è scattato l’obbligo vaccinale per gli over 50. Dal 15 febbraio inoltre, per accedere ai posti di lavoro, dovranno esibire Green Pass rafforzato. Gli appartenenti a questa fascia d’età che non sono in regola con l’obbligo vaccinale verranno sanzionati: multe per chi non ha iniziato il ciclo primario, per chi non ha fatto il richiamo della seconda dosa e per chi dopo la seconda non ha ricevuto il booster. Si avrà 10 giorni di tempo dopo l’avviso di mancata vaccinazione per comunicare alla Asl eventuali certificati di esenzione dall’obbligo vaccinale. Se ci sarà mancata conferma da parte dell’Asl, l’Agenzi delle Entrate trasmetterà un avviso di debito entro 180 giorni.

L’obbligo delle mascherine all’aperto, in vigore fino al 31 gennaio, non è stato ancora riconfermato. L’intenzione del governo è quella di riconfermarlo anche in zona bianca, per 1 o 2 mesi. Ancora devono essere varate le nuove disposizioni riguardo la Scuola, ma con ogni probabilità la sospensione didattica per chi frequenta le scuole materne e la DAD per gli studenti dai 6 anni in su dovrebbero essere ridotte da 10 giorni a 5 giorni. Inoltre le classi dovrebbero andare in DAD a partire dai 3 contagi in classe, mentre con 2 contagi rimarrebbe a casa solo chi non è vaccinato o chi è vaccinato da più di 120 giorni e non ha fatto il booster, o chi è guarito da più di 120 giorni.

Il 31 gennaio è scaduto anche l’obbligo di chiusura per le discoteche, ma non sono state date ancora nuove disposizioni. Si valuta di prorogare lo stop per un altro mese o una possibile riapertura per il 14 febbraio. Per quanto riguarda il colore delle Regioni, il Governo è intenzionato ad accogliere la richiesta delle Regioni sul mantenere la sola zona rossa. L’orientamento è quello di presentare un emendamento del decreto 221 al Parlamento, ma potrebbe essere possibile fare ricorso al decreto in questione insieme al tema Green Pass.

 

C.P.

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.