Moie, Unitalsi in Piazza “Sorridi e cambia il mondo”

MOIE –  Unitalsi in collaborazione con la parrocchia Santa Maria di Moie e Astralmusic e con il patrocinio del comune di Maiolati Spontini propone “Unitalsi in piazza. Sorridi e cambia il mondo” nei giorni 20, 21 e 22 luglio in piazza Kennedy a Moie. La festa è un’occasione di condivisione e di ricordo anche della fondatrice Maria Ridolfi che, dopo aver aiutato tante persone a Moie e aver dato vita al gruppo Unitalsi, ha deciso di partire prima per l’Africa e poi per l’Argentina. Nata a Matelica il 17 giugno 1905 è deceduta nel 1976 in Argentina e le è stata conferita la civica benemerenza alla memoria “Spontini d’Oro” del comune di Maiolati Spontini il 26 dicembre 2010. Alle sue opere argentine è dedicata la mostra fotografica “Da Moie all’Argentina, un ponte sul mondo” sul 40° anniversario di fondazione del centro Casa de Sol di Las Breñas, voluto da Maria Ridolfi Ottavini per i bambini. La mostra è allestita negli spazi di piazza Kennedy dove, nel tardo pomeriggio di venerdì 20 luglio, si terrà la conversazione con testimonianze a cura dell’assistente Unitalsi don Gerardo Diglio sul tema “Il sorriso nella relazione di cura”: il sorriso terapeutico… per lo spirito e il corpo… e la gioia nel vangelo. Anche lo scorso anno don Gerardo, infermiere professionale e sacerdote della diocesi di Jesi, si era soffermato con i volontari su alcune modalità per essere dei volontari capaci di mettere l’altro al primo posto e di essere di sostegno e non di intralcio.

Sabato 21 luglio al mattino alle 10 incontro nella residenza comunale con il sindaco di Maiolati Spontini Umberto Domizioli e la nipote di Maria Ridolfi, la dott.ssa Tiziana Tabossi di Roma, che mostrerà alcune lettere di sua zia e racconterà del suo recente viaggio in Argentina per il 40° anniversario del centro. Alle 19 apertura degli stand gastronomici e ballo in piazza con Paolo e Cristina di Trecastelli (Paolo tastiere e voce, Cristina voce solista e Maurizio fisarmonica e pianoforte).

Domenica 22 luglio alle 18,30 la Santa Messa presieduta dal vescovo Gerardo con il sacramento del battesimo a una bambina. A seguire Tatiana Makarena Severini canterà alcune cover e porterà la testimonianza di artista disabile. Originaria del Cile e attualmente residente a Macerata Feltria, Tati Makarena Severini, classe 1990, si sta affermando sempre di più nella scena musicale. In serata alle 21,30: ballo in piazza con Francesca e Roberto di Cingoli accompagnati dal loro figlio Riccardo di 16 anni che suona la fisarmonica e le tastiere da quando aveva 8 anni.

Anche quest’anno agli stand saranno usati materiali biodegradabili. Nel corso della festa è possibile ricevere informazioni sui pellegrinaggi di Loreto (dal 9 al 12 agosto) e di Lourdes.

UNITALSI – La sigla Unitalsi significa Unione nazionale Italiana Trasporto Ammalati a
Lourdes e santuari Internazionali: l’associazione, infatti, svolge un servizio con i disabili ed i malati non solo nei pellegrinaggi ma anche con altre iniziative in sostegno di chi è più in difficoltà. Il servizio viene reso gratuitamente dai volontari che contribuiscono economicamente alle spese dei pellegrinaggi per fornire il proprio tempo e servizio a chi è nel disagio.

A livello locale, l’Unitalsi organizza i pellegrinaggi a Loreto, i tradizionali Treni Bianchi di tre giorni ai quali partecipano circa 400 persone della Vallesina tra personale e anziani e malati per alcuni dei quali è l’unica occasione di trascorrere alcuni giorni in amicizia e assistiti fuori delle mura domestiche.

Sono promossi poi momenti di incontro e di festa nelle case di riposo e nelle strutture sanitarie La storia dell’Unitalsi inizia da un gesto folle del ventiquattrenne Giovanni Battista Tomassi che nel 1903 aveva deciso, durante il pellegrinaggio a Lourdes, di
togliersi la vita, stanco delle sofferenze che una grave forma di artrite deformante gli procurava.

Quel desiderio di morte, invece, si trasforma in una nuova gioia di vivere e nel desiderio di creare un’organizzazione per il trasporto di altri ammalati presso il santuario di Lourdes.

Il gruppo di Moie è attivo dal 1946 grazie all’impegno della dott.ssa Maria Ridolfi Ottavini, prima farmacista del paese. Nel suo servizio professionale la signora non chiuse mai le porte alle tante povertà di uomini e donne che faticosamente stavano uscendo dalla povertà e dai disagi della guerra da poco finita.

Sono ancora tante le persone che la ricordano per la sua generosità ed umanità. Spinta da questi sentimenti, desiderò dar vita al gruppo Unitalsi per offrire dei momenti di sollievo ai poveri che potevano partecipare ai pellegrinaggi a Loreto e delle occasione di amicizia e di crescita ai giovani che nel servizio di volontariato potevano trovare una realizzazione personale e fare esperienza di solidarietà.

La signora Ottavini si preoccupò di raccogliere le offerte per poter regalare ai poveri un viaggio: fu capace di coinvolgere le aziende locali e le altre associazioni che non si tirarono mai indietro alle sue richieste.
Sollecitò inoltre i volontari della stessa associazione a farsi carico non solo della loro quota ma ad offrirne una in omaggio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*