Il Consigliere Catani (Patto x Jesi): "Ambiti territoriali omogenei in Vallesina, interessante opportunità".

JESI –  Una nota del Consigliere comunale Giancarlo Catani (Patto x Jesi):
“Da tempo  stiamo parlando di un tema che torna quanto mai attuale in relazione alla necessità di razionalizzare i servizi comunali  con risparmi e miglioramento complessivo delle strutture sempre più adeguabili  alle necessità dei cittadini,  con maggiore  possibilità di  attingere ai finanziamenti regionali ed europei. Parliamo delle normative che, pian piano, stanno indirizzando gli Enti comunali , dopo anni di silenzio, a valutare e percorrere strade che portano alle fusioni, incorporazioni o aggregazioni di funzioni tra realtà comunali vicine e collegate da vincoli di territorialità e interessi. Dopo la legge DelRio e le successive prime aperture a tali iniziative aggregative, le Marche sono sicuramente  all’avanguardia, considerate le fusioni tra alcuni comuni nella Provincia di Ancona e Pesaro (Trecastelli , Valfoglia ed altre, o l’incorporazione di Monbaroccio con Pesaro). Ora anche la Regione Marche e alcuni ministri stanno andando a passi veloci verso la individuazioni di normative che favoriscono tali iniziative semplificative: come già da noi rilevato un primo passaggio potrebbe essere una aggregazione di funzioni (per es. trasporti , polizia  urbana , turismo , gestione impianti , servizi finanziari ,ecc. ) poi, previ i  necessari e democraticamente  indispensabili coinvolgimenti dei cittadini con referendum , le varie municipalità potrebbero valutare le varie ipotesi operative  a seconda delle singole esigenze .
Ora per quanto riguarda la Vallesina, una volta verificato che tali operazioni non sono più limitate a comuni con meno di 5000 abitanti, si aprono spiragli per la realizzazione anche di “ambiti territoriali omogenei” più ampi  che potrebbero individuarsi nella nostra Vallesina storicamente unita da  interessi socio economici rilevanti e confluenti .Proporrò quanto prima di procedere  (peraltro il nostro Consiglio si era già espresso in tal senso) a incontri di approfondimento e a iniziative concrete ( in parte già in corso con alcuni comuni vicini  a Jesi ) che portino delle possibili soluzioni che permettano alle nostre comunità comunali , sempre più in difficoltà per le note strette finanziarie (!), di individuare  alternative virtuose  e  concrete”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*