Il Magg. Alessio Panfoli : "Missione Afghanistan con la Vallesina nel cuore" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Il Magg. Alessio Panfoli : “Missione Afghanistan con la Vallesina nel cuore”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Il Magg. Alessio Panfoli

MONTE ROBERTO – Eroi e supereroi. Nell’immaginario comune sono personaggi dotati di superpoteri o, comunque, di caratteristiche fuori dal comune. Alcuni hanno il mantello altri compiono gesta memorabili capaci di cambiare la storia. Molto di tutto questo appartiene alla fantasia, ad un mondo ideale, tessuto di valori positivi e modelli di vita. Ci sono però eroi che fanno parte di questo mondo. Eroi che agiscono nel silenzio. Quotidianamente, senza le luci della ribalta. Che operano a favore della comunità, cercando di attuare un cambiamento in positivo. Magari ispirati dagli stessi valori che un tempo credevano potessero materializzarsi solo nei fumetti.  Eppure loro sono persone vere: uomini e donne, padri e madri. Richiamati ogni giorno al dovere, al suono della sveglia, sapendo che dovranno compiere un nuovo passo della loro lunga missione.

Come Alessio Panfoli, eroe made in Vallesina. Di Monte Roberto, per la precisione.

Alessio Panfoli è Ufficiale Superiore (Maggiore) dell’Esercito Italiano. Ha frequentato l’Accademia Militare di Modena, 179° corso “OSARE”, poi ha prestato servizio a Roma al Comando Logistico dell’Esercito, dopo essere stato impiegato presso vari Reparti sia in Italia sia all’estero. Laureato in Economia e Commercio presso l’Università di Trieste e in Scienze Strategiche presso l’Università di Torino, è sposato e padre di due bambini, Riccardo e Edoardo di 11 e 10 anni.

Da diversi mesi, il Magg. Panfoli si trova ad Herat, in Afghanistan, impegnato in una missione. Di sé, racconta soprattutto di essere un marito, un papà e un amante dello sport (calcio, tennis, bici, corsa, ecc.) e della nostra meravigliosa Regione.

“Sono partito a maggio ed il mio turno dovrebbe terminare ad inizio dicembre – racconta Panfoli a Password da Herat – Le forze armate italiane sono presenti da tempo nella regione ovest dell’Afghanistan nell’ambito dell’operazione “Resolute Support” che la NATO conduce in questo paese. La base principale da dove operano i militari italiani si trova ad Herat, la principale città, ricca di storia e di tradizioni millenarie, dell’area occidentale. A partire dal 1° gennaio 2015 la missione si è riconfigurata ed ora verte principalmente sulle attività di addestramento e assistenza a favore delle forze di sicurezza del governo afghano. Per questo il comando a guida italiana è denominato TAAC-W (Training Advising Assist Command-West)”.

Qual è la stata la difficoltà principale da affrontare quando sei arrivato ad Herat?

“L’inizio di ogni missione è sempre il momento più complesso. In Afghanistan ancora di più. La differenza culturale crea tantissime difficoltà e per chi come me, quale contracting officer (responsabile di tutta l’attività negoziale e amministrativa), deve interfacciarsi costantemente con le aziende, le amministrazioni e le organizzazioni locali le difficoltà sono ancora maggiori. Comprendere la realtà di questo popolo, la sua cultura, la sua capacità di rapportarsi con un contingente militare sottoposto a normative NATO e nazionali, è molto complesso e trovare il giusto equilibrio, spesso, è una impresa”.

Come vivi la lontananza dagli affetti a te più cari?

“Sono oramai quasi vent’ anni che vivo lontano da casa, da quando nel 1997 entrai in Accademia, sebbene, per tutto questo periodo, abbia sempre cercato di tornare ogni volta che potevo nelle Marche, dove vivono i miei genitori, i miei parenti più stretti e la mia famiglia. La lontananza da casa e la mancanza dell’affetto familiare sono, senza dubbio, i sentimenti più difficile da gestire. Fortunatamente la tecnologia ha fatto passi da giganti e riesco, ogni giorno, a sentire e vedere i miei cari. Certo, non è gratificante perdersi il compleanno del proprio figlio o trascorrere il proprio lontano da tutti, ma nelle missioni si creano sempre rapporti speciali tra noi militari e anche la nostalgia, la lontananza e la mancanza dei cari si superano grazie alla condivisione e all’aiuto reciproco”.

 Raccontaci della tua giornata in Afghanistan.

Come nelle precedenti missioni, anche in Afghanistan, le giornate, le settimane e i mesi risultano molto impegnativi. Si lavora costantemente ogni giorno svolgendo tantissime attività. Riusciamo a ritagliarci giusto qualche ora a settimana per un po’ di attività fisica, per mantenerci in forma e scaricare le tensioni.

Il Magg. Alessio Panfoli a lavoro ad Herat

Cosa ami e ti manca di più dell’Italia?

“In questo momento tutto…Il mare, le montagne e le splendide colline della Vallesina, con i suoi favolosi vigneti, così distante dal paesaggio afghano che qui ad Herat risulta molto simile ad un deserto roccioso. Ho sempre creduto che l’Italia sia una nazione meravigliosa”.

Quali sono i valori in cui credi, che porti nel cuore e che insegni ai tuoi figli?

“Credo sia fondamentale imparare ad ascoltare, comprendere e rispettare il prossimo. Sembra una frase fatta, lo so, ma anche in questa missione ho avuto la conferma che solamente con il rispetto reciproco si possono superare le diversità e trasformarle in virtù anziché in ostacoli. Ai miei figli, per il momento, consiglio di divertirsi e godersi al massimo l’infanzia e l’adolescenza che, con l’eccezionale qualità della vita che abbiamo in Vallesina, sarà senza dubbio il periodo più bello con i ricordi migliori”.

Che cosa vedi davanti a te?

“Ancora tantissimo lavoro per i prossimi mesi di missione in territorio afghano, confidando che anche il mio contributo sia utile a migliorare la situazione di questa Nazione che ha veramente bisogno di aiuto, di sicurezza, di stabilità, di assistenza e di riorganizzazione. Poi, una volta rientrato in Italia, credo mi aspetti, ancora, un periodo nella capitale; e perché no, altre esperienze di vita proposte dal mio lavoro, sempre dinamico ed eclettico”.

Quando tornerai la prima cosa che farai?

“A questa domanda non si può che rispondere in un solo modo…. Una vacanza! Dopo tanti mesi all’estero, impiegato ogni giorno, senza mai staccare la spina dal lavoro, è necessario e salutare prendersi un periodo di riposo e di spensieratezza. E…non c’è posto migliore della nostra Vallesina per rigenerarsi e recuperare le energie. Già non vedo l’ora di riprendere la bici da corsa o la mountain bike e salire le nostre splendide colline, o fare una bella corsa in compagnia di amici d’infanzia. Noi marchigiani siamo persone operose, che tengono stretto il legame con la loro terra, un po’ gelosi e diffidenti, ma persone vere. Insieme ad altri colleghi abbiamo creato il Club Ufficiali Marchigiani, unico sodalizio con statuto registrato dal Ministro della Difesa: ogni anno svolgiamo attività formative a favore dei ragazzi delle scuole superiori marchigiane, volte alla diffusione dei valori e della cultura militare. È questo lo spirito che c’è in me…amante delle avventure, curioso di scoprire e di scoprirsi, ma fortemente legato alle origini”.

Chiara Cascio

 

 

 

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.