Il Teatro Sociale che coinvolge tutti: presentato TESPI | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Il Teatro Sociale che coinvolge tutti: presentato TESPI

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Presentato oggi, nel foyer di Teatro Pergolesi, il nuovo programma di TESPI, il Festival del Teatro Sociale, in programma dal 26 Gennaio al 4 Febbraio 2019 nelle città di Jesi, Chiaravalle e San Marcello.

Dopo l’interruzione di questi moduli teatrali nel 2016, con la vincita di un bando indetto dalla Fondazione Cariverona, che finanzia il progetto, questo festival multidisciplinare di teatro sociale intreccia, in maniera innovativa, il mondo del teatro professionale, del sociale e dell’educazione, coinvolgendo numerosi attori privati e pubblici: Comune di Chiaravalle, ASP Ambito 9, Neomesia Mental Health, Istituto Comprensivo “Lorenzo Lotto” di Jesi, Liceo Scientifico “L. Da Vinci” di Jesi, I.I.S.  “G. Galilei” di Jesi, I.I.S “Podesti- Calzecchi Onesti” di Chiaravalle, Associazione Culturale Factory, Rosso Teatro, Associazione Asini Bardasci, Casa dello Spettatore di Roma, Ambito Territoriale Sociale 12, Malati di Niente, Fondazione Pergolesi Spontini, Comune di San Marcello, Nuovo Spazio Studio Danza e l’associazione Commercianti Jesi Centro.

“Il Festival del Teatro Sociale è molto importante perché si occupa della vera funzione del teatro: sviluppare pensieri attraverso le emozioni. È qui tutta l’essenza del teatro” – afferma Ornella Pieroni di AMAT (Associazione Marchigiana Attività Teatrali), associazione organizzatrice insieme a ATGTP dell’evento.

Spettacoli, incontri, workshop, convegni, docufilm, e una mostra fotografica, intitolata “Lo sguardo innamorato” di Letizia Morini, una giovane fotografa affetta da sindrome di Down, che vedrà esposti i suoi “sguardi”, il 30 Gennaio, non solo nella Sala Espositiva di Teatro Pergolesi, ma anche in alcuni locali degli esercizi commerciali del Centro Storico di Jesi.

Non solo teatro quindi, ma anche convegni come “Che lingua parli?” in programma il giorno 1 Febbraio a San Marcello, che sarà un’occasione d’interazione non solo per chi fa teatro, ma anche per chi vi assiste.

All’interno del vasto programma sono inoltre previsti anche percorsi formativi nelle scuole degli Istituti Superiori in collaborazione con la “Casa dello Spettatore di Roma”, per formare ad una “didattica della visione” – come spiega Marina Ortolani di ATGTP (Associazione Teatro Giovani Teatro Pirata) – “Il teatro sociale in Italia rappresenta una delle comunità più combattive nel panorama teatrale, e la vera innovazione sta proprio nella sperimentazione di percorsi artistici inclusivi”.

L’interazione è stata sviluppata anche all’interno del sito informativo dell’evento da poter consultare per avere maggiori informazioni sul programma: www.teatrosocialemarche.it.

 

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.