In salute con la Dieta del Buon Senso... ascoltandosi. | Password Magazine
Festival Pergolesi

In salute con la Dieta del Buon Senso… ascoltandosi.

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE  cura della dottoressa Letizia Saturni, Health Coach e Nutrizionista

Sono in costante aumento le proposte di diete: da quella iperproteica a quella dell’estate, dei digiuni intermittente, quella con bibitoni quella a zona, quella chetogenica, quella no-carbo o low-fat fino all’ultima nata: la dieta dei segni zodiacali.

Un numero sempre maggiore di strategie vengo proposte anche per il movimento: cardio fitness, circuiti o altre diavolerie. Tutto principalmente finalizzato al controllo del peso corporeo.

Quale Nutrizionista Health Coach che esercita da diversi anni, ho maturato la mia filosofia che fonda le sue radici sul concetto di Ben Essere [nuova disciplina ideata nel 2016 dal Prof. Andreoli] da raggiungere e mantenere grazie ad allenamenti/strategie e buone pratiche nella 3 macro-aree di competenza: Alimentazione e Micro Nutrizione ad Alto Impatto; Stile di vita e Cura del sé. Prerequisito è l’Ascolto.

E’ un vero atto rivoluzionario: mollare il controllo a vantaggio dell’ascolto!

La quotidianità di ciascuno di noi scivola in modo frenetico sotto l’egemonia del cronos – tempo nella sua accezione cronometrica – e controllo, ritenuti sinonimi di Ben Essere. Da qui la mia proposta di ascolto, base della dieta del buonsenso … mi spiego.

Il controllo seppur importante capacità umana grazie alla quale agiamo e prendiamo decisioni, ha tolto molto spazio alle nostre emozioni, sensazioni fisiche, gusto fino alla possibilità di soffermarci su ciò che ci piace, assaporandolo. 

Tutto sotto controllo! Espressione che molto frequentemente risuona e che – a mio modo di vedere – è anche molto pericolosa.

Riposo, relax, contatto con Sé stessi, lasciarsi andare e abbassare la guarda e magari anche svolgere alcune attività con leggerezza e spensieratezza [senza mai essere superficiali] sono pilastri del controllo sano ed efficace. Ecco allora che su questa base, il mantra Controllo del Peso corporeo perde potere a vantaggio di un ascolto attivo di Sé stessi.

Ma come si fa? Se non c’è controllo il peso va a rotoli.

C’è una buona notizia: nasciamo integrati, il contatto con noi stessi e il nostro sentire emotivo sanno nutrirci in modo funzionale così che il nostro peso non subirà disfunzionali cambiamenti. Nel tempo si è alterata la comunicazione interna diventando disfunzionale sotto la pressione di un ambiente – che in forme diverse – ha generato un frastuono talmente forte e costante da rendere difficile -se non impossibile- l’ascolto attivo dei nostri bisogni fisiologici.

Vi propongo un esempio: spesso identifichiamo la salute esclusivamente con la magrezza; spesso ci vengono proposti canoni estetici irraggiungibili, per i quali si attuano restrizioni alimentari severe e ripetute.

Il nostro corpo risponde a tutto ciò trattenendo quanti più nutrienti possibile per garantire la sopravvivenza perché teme una completa assenza di cibo da un momento all’altro. A seguire le restrizioni non funzioneranno più, diminuirà il nostro senso di efficacia e aumenteranno frustrazione, stanchezza e inadeguatezza.

Ecco come la comunicazione è diventata disfunzionale facendo perdere il buonsenso. Quel buonsenso che permette di alimentarsi e nutrirsi senza forzature, privazioni e che permette in modo naturale sia di rispondere ai propri bisogni che di esaudire anche i nostri desideri.

Lo so bene, siete scettici e state pensando … se fossi libero di mangiare, mi abbufferei ogni giorno!

Credetemi non è così.

Il fascino e il desiderio fuori controllo sono suscitati dalla privazione/restrizione a cui ci obblighiamo. Il nostro corpo è programmato per nutrirsi bene, scegliere cibi che ci fanno bene e nelle giuste quantità sulla base dei nostri gusti perché il suo scopo è mantenere l’omeostasi del Ben Essere e la piena efficienza di tutti i sistemi.

La letteratura scientifica è ricca di pubblicazioni che dimostrano come  percorsi che non prevedono trattamenti restrittivi sono quelli che permettono di raggiungere il Ben Essere fisico, psicologico, sociale relazionale oltre alla realizzazione personale e di mantenere tutto ciò nel lungo tempo. Sono percorsi di conoscenza del nostro vero Sé che favoriscono le emozioni positive, autostima e sensibilità verso i propri segnali interni permettono un innamoramento di noi stessi per farsi del bene.

E’ fondamentale amarsi e per amarsi bisogna sentirsi, liberandosi dal bisogno di controllo!

In conclusione la Dieta del Buonsenso permette di liberarsi dal bisogno di controllare il peso corporeo: non controllandolo. Due le peculiari dimensioni:

  • Accoglienza del Ben Essere integrato che prevede un lavoro su sé stessi per conoscersi e riequilibrare i meccanismi di regolazione interna ammorbidendo il controllo e aumentando calma e serenità per connettersi alle risorse interne

Conoscenza di una Alimentazione e Nutrizione funzionali così da organizzare una quotidianità alimentare moderata – equilibrata – gustosa e golosa nel rispetto delle risorse ambientali mediterranee.

La mia disponibilità è al 347 4351576 oppure su Facebook @letiziasaturninutrizionista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.