In sfida contro Bacci "il Prescelto", Libera Azione Jesi presenta lista candidati e programma

JESI – Il candidato Massimiliano Lucaboni scende in campo per le elezioni amministrative e si dice pronto a sfidare il sindaco uscente Massimo Bacci sotto le insegne di “Libera Azione Jesi“, la lista di centro destra che unisce Forza Italia e Democrazia Cristiana. Lo ha annunciato stamattina in conferenza stampa presso il Palazzo dei Convegni dove ha rimarcato la sua candidatura al ruolo di Primo cittadino e presentato la lista dei candidati (composta da 24 elementi) e il programma elettorale, affiancato dal commissario regionale DC e alleato Franco Rosini.

Da destra, il candidato sindaco Massimiliano Lucaboni e Franco Rosini

“Ciascun punto del programma nasce dall’attento ascolto dei cittadini, nell’ottica di individuare soluzioni a problematiche concrete – fa sapere Lucaboni – a partire dalla sicurezza, con l’istituzione del vigile di quartiere anche di notte. NO all’arrivo di nuova immigrazione in città e al fenomeno della ghettizzazione. Inoltre, servizi sociali meno discriminatori nei confronti del cittadino: la Giunta uscente ha approvato un regolamento incostituzionale che concede ai bambini stranieri ed extracomunitari mensa e trasporto gratuito nelle scuole. Perché non estendere questo privilegio ai figli degli italiani che vivono in povertà? Questa situazione rende il Comune complice di una guerra tra poveri, viste le tante famiglie jesine che non hanno possibilità di pagare la retta o lo fanno con difficoltà. Non si tratta di razzismo ma di buon senso: si tratta di scegliere una politica diversa da quella del non aiuto “.

Altri punti del programma di Libera Azione Jesi riguardano la viabilità, con promessa di rivedere i parcheggi e revisionare il piano delle piste ciclabili in quanto “non tutte le città sono predisposte ad averne ovunque”; no allo spostamento del monumento a Pergolesi, definito dal candidato “inutile spreco di denaro”, e al palazzone di via Tessitori; sì alla riconversione dell’ area ex Sadam ma in un PalaFiere piuttosto che in un PalaScherma; su sanità, la proposta prevede due triage per evitare che il Pronto soccorso vada in tilt, il miglioramento degli ambienti e aumento del personale medico e infermieristico. “Per avere queste cose bisogna però avere peso in Regione – afferma il candidato Lucaboni – Occorre che il neo Consiglio comunale abbia dei riferimenti chiari in quello regionale o Jesi rimarrà ai margini delle questioni”.

Dello stesso parere è l’alleato Rosini: “Portiamo avanti un progetto politico italiano – dice – Le liste civiche contano, è vero, ma contano anche le valenze politiche: provvedimenti ed azioni concrete prendono origini dai valori di partito. Bacci al momento è “il prescelto”, il sindaco uscente e nuovamente candidato a cui, tutto sommato, viene riconosciuta da molti un’esperienza amministrativa positiva. Alcuni sono già in corsa per salire sul carro del vincitore. Questa, invece, è una lista che non rinuncia ai simboli in cui crede e che non mette da parte i propri valori”.

E’ dunque da escludere un’alleanza di Libera Azione Jesi con Bacci. Almeno per ora: “Da soli abbiamo buone opportunità di prendere più consensi rispetto alle liste che appoggiano Bacci – fa sapere Lucaboni – In caso di un secondo turno elettorale, si vedrà”.
Incertezza su quanto deciderà di fare Fratelli d’Italia: “Non sappiamo al momento se presenterà una sua lista né, in tal caso, se sceglierà di unirsi a noi”.

Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*