Inaugurato il Centro Diurno per malati di Alzheimer

JESI – È stato inaugurato questa mattina, a Jesi, in via San Giuseppe n. 36, il nuovo Centro Diurno Alzheimer.

Al taglio del nastro, erano presenti, oltre al sindaco Massimo Bacci,  il presidente dell’ASP Sergio Mosconi e il presidente Nazionale della Società Italiana di Neurologia Leandro Provinciali. Sono intervenuti anche Fabrizio Volpini, presidente IV Commissione Regionale “Sanità e Politiche Sociali”, Giordano Grilli, Direttore Distretto Sanitario Jesi ASUR, e Marco Bini, presidente dell’Assemblea dei Soci ASP.

Ad assistere all’inaugurazione, anche gran parte della Giunta comunale e dei consiglieri di maggioranza, il parlamentare Emanuele Lodolini, il consigliere regionale Enzo Giancarli, il vescovo Mons. Don Gerardo Rocconi. Presenti anche Paolo Mariani e Daniela Morresi, rispettivamente presidente del Lions Club Jesi e di Fidapa Jesi, due realtà che sin dall’inizio con grande sensibilità hanno sostenuto raccolte fondi e iniziative legate al completamento della nuova struttura: un brillante esempio di stretta collaborazione tra Comune, istituzioni, associazioni e cittadini.

Il Centro Diurno ospiterà 16 persone affette da Alzheimer residenti nei 21 Comuni dell’ASP Ambito 9, ai primi stadi della malattia. Il servizio sarà volto ad offrire loro occasioni di socializzazione e programmi di trattamento terapeutico. Con la creazione di questo centro, l’ASP intende offrire una concreta risposta ai malati e alle loro famiglie. Si tratta della prima struttura del genere nell’intera Vallesina, una risposta importante alle problematiche che le famiglie con soggetti affetti da Alzheimer si trovano a vivere quotidianamente.

“In questi anni, malgrado i tagli dei fondi statali, abbiamo sempre salvaguardato il capitolo dei servizi sociali, proprio perché consapevoli che i bisogni aumentano e le persone che chiedono aiuto sono sempre in crescita – sono le parole del sindaco Massimo Bacci – Grazie all’efficienza e all’efficacia dell’Asp stiamo offrendo più servizi e più qualità, provando a dare risposte puntuali alle famiglie che hanno soggetti fragili in casa. Riuscire a centrare questi obiettivi resta una delle esperienze più belle per chi è chiamato ad amministrare una comunità”.

Il centro diurno per malati di Alzheimer resterà in via San Giuseppe in attesa che sia pronta la nuova struttura che sarà ricavata nel monastero di via San marco donato al Comune di Jesi dalle clarisse. Qui, data l’ampiezza dei locali, sarà realizzata la casa famiglia ricompresa nella volontà testamentaria di Daniela Cesarini (finanziata con la vendita dei beni che la compianta ex assessore ha lasciato al Comune) ed il centro diurno, ottimizzando così benefici organizzativi e gestionali.

Si ricorda agli interessati che è possibile presentare le domande, necessarie per l’individuazione del numero minimo di beneficiari per l’avvio della struttura, fino al prossimo 6 maggio 2017 ma, una volta avviata la struttura, potranno essere sempre presentate.

La domanda è scaricabile dal sito www.aspambitonove.it o si può ritirare presso la portineria dell’ASP in via Gramsci 95, nonché presso gli Uffici di Promozione Sociale – dei Comuni dell’Ambito 9.

Per informazioni: ASP Ambito 9, U.O. Anziani, via Gramsci 95, Jesi Tel. 0731-236911 – 0731 236918 www.aspambitonove.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*