Jesi, aperto il Contest QUI per la riscoperta e valorizzazione delle ricchezze "invisibili" della città | | Password Magazine

Jesi, aperto il Contest QUI per la riscoperta e valorizzazione delle ricchezze "invisibili" della città

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – La cisterna romana. La casa del porcaio. Il chiavistello di Costa Lombarda. La mattonella tra il Cardo e il Decumano. Il punto più alto della città.

Sono i numerosi dettagli preziosi che, disseminati qua e là per le vie e piazze del centro storico, sono talmente abituali e parte integrante del vivere quotidiano tanto da diventare “invisibili”, quasi incapaci di attirare l’ attenzione. Piccoli punti su cui a volte cade l’occhio ma senza incuriosire o suscitare domande in quanto sono lì, da sempre. Luoghi, segni, elementi architettonici  che, seppur di piccole dimensioni o apparentemente poco significativi, raccontano aspetti tutt’altro che marginali della storia e della cultura locale.

Sono queste le ricchezze che il Contest QUI – lascito del progetto Jes!  e aperto ufficialmente oggi – intende riscoprire e valorizzare, invitando artisti e creativi a mettersi alla prova presentando un progetto site-specific inedito per la realizzazione di una segnaletica d’autore che dialoghi con questi punti di interesse storico-culturale nascosti per la città. (Per conoscerli tutti guarda la mappa)

Il progetto JES! mette a disposizione l’ elenco dei punti di interesse dislocati nel centro storico cittadino, frutto di una call pubblica a cui i cittadini hanno risposto liberamente, ma anche di tavoli di lavoro con le associazioni Archeoclub d’Italia sede di Jesi e Gruppo FAI Jesi e Vallesina.

“Il Contest lascerà alla città un segno tangibile e concreto dell’operato del progetto Jes!, ormai concluso  – ha spiegato l’assessore alla Cultura Luca Butini – Il risultato sarà stupefacente, frutto di un continuo interrogare, incontrare, dialogare, proporre e proporsi, di un modo innovativo di far conoscere e apprezzare di più la città a chi la vive “.

I progetti candidati dovranno disegnare un inedito percorso che porti l’invisibile alla vista, lasciando un segno forte sul territorio, in grado di rafforzarne l’identità e la riconoscibilità attraverso le molteplici pratiche dell’arte contemporanea, in particolare quelle relative all’arte pubblica. Dovranno rivolgersi ai turisti che abitano un luogo in modo temporaneo, ma anche ai cittadini perché guardino con occhi differenti ciò che appartiene alla quotidianità. Saranno incentivati progetti che sappiano coniugare segni materiali posti in loco con segni virtuali, attraverso l’utilizzo di app, realtà aumentata o interaction design.

In palio € 15.000,00 per l’ideazione e la realizzazione del progetto vincitore.

Possono partecipare artisti e creativi di ogni nazionalità di età superiore ai 18 anni, individualmente o in gruppo, presentando tutta la documentazione necessaria entro il 3 ottobre 2014.

Il contest è frutto della collaborazione tra gli Assessorati ai Lavori Pubblici e alla Cultura del Comune di Jesi, le associazioni cittadine e il progetto “JES! Cerco Lavoro. Lo immagino. Lo trovo.” attivo già da un anno con l’obiettivo di utilizzare la creatività come volano di sviluppo dei territori e dell’occupazione giovanile.

La forza di QUI risiede nella trasversalità degli attori coinvolti e la sua realizzazione è la dimostrazione di una nuova sensibilità da parte di alcune Amministrazioni comunali, in grado di valorizzare le competenze creative per soddisfare i bisogni del territorio: in questo caso, nello specifico, quelle dei settori lavori pubblici e turismo. In questo modo la cultura assume un ruolo centrale nel racconto delle comunità e dei loro immaginari, oltre che nella produzione di reddito e nella risoluzione di bisogni concreti delle città.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.