Jesi, arriva la ‘zona 30’ tra via Sanzio, via Gramsci, viale Verdi. Un incontro per illustrare gli interventi - Password Magazine

Jesi, arriva la ‘zona 30’ tra via Sanzio, via Gramsci, viale Verdi. Un incontro per illustrare gli interventi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Via Gramsci (dall’ex 7° Cielo fino all’incrocio con Viale Verdi), quindi Via Raffaello Sanzio, Via Rossini e il tratto di Viale Verdi dall’incrocio con Via San Francesco a Via Gramsci. È questo il perimetro della prima “zona 30” che sarà istituita in città. 

Gli interventi programmati, gli effetti sulla qualità della vita, la valorizzazione degli spazi pubblici, delle attività produttive e della parte residenziale saranno illustrati lunedì prossimo, in un incontro pubblico in programma alle ore 18.30 a Palazzo dei Convegni, promosso dall’assessora alla mobilità sostenibile Valeria Melappioni. Con lei interverranno il progettista incaricato Massimiliano Pecci e la responsabile del Servizio infrastrutture e mobilità del Comune Manuela Marconi.

«Dobbiamo tutti insieme, come cittadini, educarci ad una qualità del vivere condivisa – ha sottolineato l’assessora Melappioni – e  per questo l’Amministrazione comunale ha avviato un percorso che ha delle tappe. Quella di lunedì è una di questa per educarci a convivere negli spazi aperti tra automobilisti, ciclisti e pedoni, in piena sicurezza che è il primo e fondamentale elemento. 

Un incontro – ha aggiunto la Melappioni – che fa seguito a quello tenuto lo scorso novembre con l’arch. Matteo Dondè, uno dei più autorevoli esperti oggi in Italia nella pianificazione urbana e nel riequilibrio tra mobilità veicolare e pedonale. In quella occasione era stato evidenziato il grande valore aggiunto delle zone 30. Lunedì si entrerà nel merito degli interventi che verranno eseguiti concretamente in queste strade. Per questo è importante che la cittadinanza possa partecipare, affinché si possa prendere atto delle misure che saranno introdotte per un investimento di circa 120 mila euro, finanziato quasi totalmente da risorse regionali precedentemente ottenute».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.