Jesi e i Comuni della Vallesina verso un unico soggetto comprensoriale? | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Jesi e i Comuni della Vallesina verso un unico soggetto comprensoriale?

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il Consigliere comunale Giancarlo Catani (PattoxJesi) invia una nota stampa sulla proposta di riorganizzazione territoriale dei Comuni della Vallesina: “La strada sembra oramai aperta per quanto riguarda una riorganizzazione anche territoriale dei nostri Comuni . La legge” Del Rio” del  2014 ha “lanciato ” un nuovo messaggio a fronte della indiscutibile difficoltà degli oltre 8000 comuni italiani a far fronte alle esigenze dei cittadini mantenendo i servizi con  un livello di  accettabilità .

Nelle Marche le ipotesi di aggregazione o fusione tra Comuni sono ormai oggetto di valutazioni e opinioni da parte dei cittadini e dei politici : per ora le uniche realtà che hanno completato l’iter sono i Comuni di Trecastelli (nell’anconetano ) e Vallefoglia (nel pesarese) mentre altre ipotesi di aggregazione sono in corso: è però pacifico che non ci si può più fermare ai companilismi o alle diatribe localistiche ma va valutata , in prospettiva , la reale esigenza delle popolazioni che debbono essere sempre e comunque sentite.
L’ipotesi proposta dal Presidente della Regione Ceriscioli mi pare, nel complesso, da ben valutare  quando si parla di almeno 24 aree omogenee corrispondenti  agli ambiti sociali marchigiani: la proposta di legge dell’onorevole Lodolini ed altri parla di aggregazioni tra Comuni per avere entità di almeno 5000 abitanti.
Per  quanto  mi  riguarda ritengo , e ne parleremo con gli amministratori e i  cittadini in un prossimo incontro, che la nostra città e i Comuni dela Vallesina non possano perdere l’opportunità di presentarsi cone un unico soggetto “comprensoriale ” con comuni interessi, storia, servizi, economia con ruoli e apporti da definire.  Altre soluzioni aggregative potrebbero essere , in prospettiva , insufficienti per rispondere alle sfide del futuro. Ne parleremo a breve e su questo chiedo si apra un dibattito oramai maturo per essere affrontato”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.