La 17enne Eva Simonetti presenta il suo libro a favore di Un battito di Ali Onlus | | Password Magazine
Banner4Baffi

La 17enne Eva Simonetti presenta il suo libro a favore di Un battito di Ali Onlus

JESI – Un gremito Palazzo dei Convegni ha accolto ieri pomeriggio la presentazione del romanzo “Stanza dell’Isola che non c’è”, scritto dalla giovanissima studentessa Eva Simonetti per l’associazione Un Battito di Ali onlus a sostegno del reparto di Cardiologia e Cardiochirurgia congenita e pediatrica di Torrette. La presentazione, promossa dall’Associazione con il patrocinio del Comune di Jesi e coordinata dall’avvocato Paola Duca per Un Battito di Ali, ha visto una massiccia presenza di studenti ma anche di semplici cittadini. Il saluto iniziale, dell’Assessore alla Cultura Luca Butini che ha sottolineato il valore culturale dell’iniziativa plaudendo all’attività del reparto diretto dal dottor Marco Pozzi, “del personale medico del reparto, guidato dall’instancabile Dottor Marco Pozzi, Eva coglie e sottolinea la straordinaria carica di umanità, di totale empatia con i giovani pazienti, considerati quasi dei figli da curare e assistere amorevolmente”. Un’operazione culturale importante, uno stimolo a chi soffre di cardiopatie a reagire e guardare alla vita con ottimismo e senza sentirsi vittime. “Il libro di Eva non ci consegna solo ricordi di una duplice esperienza ospedaliera – aggiuge il professor Gabriele Fava – ma anche memoria, intesa come intesa come obiettivo di tramandare la professionalità, il rapporto con il personale medico e paramedico, l’atteggiamento con i pazienti. Le terapie non sono sufficienti se non vengono affiancate alla condivisione solidale e all’umanità”. “Stanza dell’Isola che non c’è” commuove, emoziona, coinvolge. Come appassiona ascoltare la sua giovanissima autrice, Eva, studentessa del Liceo Scientifico di Jesi, che in quelle pagine ha voluto condensare la sua passione per la scrittura (ha già pubblicato nel 2012 il libro “Camilla, le altre e il mistero del quarto piano” per la casa editrice chiaravallese Grilloparlante) all’esperienza in reparto che le ha cambiato il modo di vedere la vita. “Il libro rappresenta anche un modo per ringraziare medici e infermieri che mi hanno seguita dal punto di vista clinico e umano – dice Eva – vorrei che fosse anche da conforto a quei genitori con i figli affetti da cardiopatia. Non ci dobbiamo sentire vittime della vita, ma anzi l’essenziale è accompagnare i propri figli nel loro percorso verso la guarigione. L’affetto e la vicinanza della famiglia è essenziale”. “Il candore e la trasparenza con i quali Eva si è aperta e ci ha permesso di entrare nel suo mondo meravigliano – conclude il dottor Pozzi – così come è essenziale all’ospedale di Ancona, abbracciare non solo la professione clinica ma anche l’aspetto umano dei pazienti e dei loro congiunti: quando una persona entra in ospedale, entra un bambino, un genitore e non un malato, un numero. Ecco perchè, in questo senso, credo che il libro di Eva farà un lavoro di sensibilizzazione stupendo”.

La serata è stata scandita dalle letture dell’attrice Giulia Poeta, che ha interpretato alcuni passi del volume. Presente in sala anche l’artista falconarese Andrea Agostini che ha impreziosito il libro illustrandone la copertina. Per avere una copia del libro, con una donazione di 10 euro, basta farne richiesta alla pagina Facebook dell’Associazione Un Battito di Ali onlus o chiamare al numero 320.7856781 o cliccare al sito www.unbattitodiali.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.