La 17enne jesina Eva Simonetti presenta il suo libro "Stanza nell'Isola che non c'è" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

La 17enne jesina Eva Simonetti presenta il suo libro "Stanza nell'Isola che non c'è"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Eva Simonetti è una giovanissima scrittrice in erba. Ma è anche una studentessa del Liceo Scientifico ‘Da Vinci’ di Jesi (frequenta il terzo anno) che nella sua vita ha dovuto affrontare una prova difficilissima, quella della cardiopatia congenita. Un’esperienza che la ragazza, 17 anni, ha saputo esorcizzare attingendo alla sua fantasia per trasformare uno dei momenti più difficili in stimolo per guardasi dentro, reagire, trovare la motivazione per riappropriarsi della propria forza vitale, del proprio istinto di sopravvivenza. Nasce da qui il suo libro “Stanza dell’Isola che non c’è”, edito dall’Associazione ‘Un Battito di Ali’ onlus, impegnata a sostenere i bambini cardiopatici e per sostenere l’attività svolta dal reparto di Cardiologia e Cardiochirurgia congenita e pediatrica.

Il volume sarà presentato venerdì 11 marzo pv alle ore 18,00 a Palazzo dei Convegni di Jesi, in corso Matteotti, nel corso di un incontro promosso dall’Associazione Un Battito di Ali onlus con il patrocinio del Comune di Jesi. All’incontro – moderato dal presidente della Fondazione Colocci professor Gabriele Fava – interverranno l’autrice Eva Simonetti, il vice Sindaco del Comune di Jesi e Assessore alla Cultura dottor Luca Butini, il primario del reparto di Cardiologia e Cardiochirurgia di Torrette dottor Marco Pozzi, la consigliera di Un Battito di Ali avvocato Paola Duca. Nel corso del pomeriggio, l’attrice Giulia Poeta leggerà alcuni frammenti del libro. Il volume, illustrato dall’artista falconarese Andrea Agostini, sarà donato agli intervenuti che vorranno sostenere l’Associazione Un Battito di Ali onlus e le sue mission benefiche con una donazione.

Eva ora sta bene, grazie alle cure ricevute dal dottor Marco Pozzi e dal suo staff nel reparto di Cardiologia e Cardiochirurgia Pediatrica e Congenita degli Ospedali Riuniti di Torrette. La studentessa con la passione per la scrittura (ha già pubblicato nel 2012 il libro “Camilla, le altre e il mistero del quarto piano” per la casa editrice chiaravallese Grilloparlante) riversa in queste pagine tutte le emozioni, le paure, i ricordi e le sensazioni vissute nelle due esperienze ospedaliere (“…proprio mentre mi sentivo un muratore che costruisce la propria vita e sembra soddisfatto dell’opera in corso, ne sono stata distaccata…”) e lo fa con la determinazione di chi assume consapevolezza per guardare a una nuova costruzione della propria quotidianità, tanto che scrive “la gente non capisce che è proprio nel non sentirsi forti, che si è forti”.

Eva ci ha permesso di vedere l’altra faccia della luna, il punto di vista dei pazienti – scrive nella presentazione del libro la presidente della onlus Loretta Mozzonifa parte di ciascuno reagire emotivamente e psicologicamente a una vicenda ospedaliera che spesso costituisce un discrimine tra un prima e un dopo. I giorni in ssopedale come momentanea sospensione del corso della propria vita in un luogo “che non c’è” come l’isola di Eva e in un tempo che non è più quello ordinario delle ore e dei minuti. Eva con questo libro ci permette di sbirciare dentro una dimensione privatissima in un racconto che prima è di perdita e poi si trasforma in riappropriazione di se stessi”. Un libro che commuove, un racconto di vita che offre semplicemente un dono speciale: la speranza. Mai come in questo caso l’autobiografismo costituisce il carattere distintivo del libro fino a sfociare nella più pura testimonianza di una dura esperienza ovvero quella vissuta da Eva nel Reparto di Cardiologia e Cardiochirurgia Infantile e Congenita dell’Ospedale Torrette di Ancona, dove, giovanissima, subì una delicata operazione al cuore. “Il racconto, asciutto, a volte lapidario, arricchito da descrizioni efficacissime dell’ambiente ospedaliero, consente al lettore di guardare una realtà così drammatica attraverso gli occhi del paziente – spiega l’Assessore alla Cultura Luca Butiniall’interno della dimensione privata della malattia e del lungo percorso di riappropriazione del proprio corpo e di conseguenza del proprio io. Protagonisti del libro sono naturalmente i medici, gli infermieri e il personale ausiliario del reparto, veri e propri angeli incarnati la cui professionalità e abnegazione sono al centro della riflessione dell’autrice. Del personale medico del reparto, guidato dall’instancabile Dottor Marco Pozzi, Eva coglie e sottolinea la straordinaria carica di umanità, di totale empatia con i giovani pazienti, considerati quasi dei figli da curare e assistere amorevolmente”. Eva è stata ricoverata in reparto per un mese, nell’ottobre 2014 e in quel periodo è nata l’idea della pubblicazione. “Sono rimasto colpito dalla qualità del primo libro di Eva, scritto quando lei aveva solo 11 anni – ammette Marco Pozzie abbiamo pensato che questa sua capacità di scrittura potesse essere il modo migliore per raccontare il reparto dall’interno, con un’interpretazione lucida e senza nessuna autocommiserazione”.

Avevo già in cantiere di scrivere un libro sulla mia esperienza in ospedale – dice Eva Simonettiper coniugare gli aspetti fondamentali di me, la scrittura e questa cardiopatia che mi ha cambiato la vita, così mi sono messa al lavoro con l’intenzione di far conoscere la  realtà del reparto diretto dal dottor Pozzi dove mi sono trovata benissimo, far capire che la malattia cardiaca non deve condizionare l’esistenza ma essere vissuta con serenità e lo dico con un messaggio di rassicurazione e speranza a quelle mamme spaventate e incontrate in reparto”. Il progetto editoriale rientra nelle mission dell’Associazione Un Battito di Ali onlus – come spiega la consigliera dell’associazione Paola Duca, “per sostenere il reparto di Cardiologia e Cardiochirurgia Pediatrica di Torrette, eccellenza della sanità italiana con i suoi 250 interventi chirurgici annui per un tasso di mortalità pari a zero (l’obiettivo è arrivare a 400). Con i fondi raccolti dalle donazioni abbinate ai libri l’Associazione finanzierà le spese per l’accoglienza di bambini stranieri che saranno operati (gratuitamente) dal dottor Pozzi; doterà di sofisticati macchinari il reparto e finanzierà due borse di studio (valore complessivo 50.000 euro) per altrettanti cardiologi che porteranno avanti il progetto pilota per le Marche e per l’Italia sulla prevenzione delle morti improvvise sui campi di gioco”. Il progetto del dottor Pozzi con il professor Paolo Zeppilli (ex medico della nazionale di calcio e direttore della Scuola di specializzazione in medicina dello sport dell’università Cattolica di Roma) che ha già avuto il sostegno del presidente del Frosinone calcio, Maurizio Stirpe. 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.