La famiglia di Carlo Urbani: «Salvate l’ospedale o via il nome»

JESI – Salvate l’ospedale di Jesi o via il nome di Carlo Urbani. Così la famiglia del medico-eroe di Castelplanio ucciso dalla Sars, di cui aveva individuato il virus, scrive in una lettera inviata alle autorità regionali per difendere l’ospedale di Jesi, a lui intitolato, che si sta trasformando in “un bacino sanitario precario”: «Qualora la situazione permanga tale non saremo più disponibili a vedere su quella struttura il nome di Carlo».

La vedova Giulina Chiorrini annuncia così “con amarezza” l’intenzione, nel caso continuasse questa “triste deriva”, di togliere il nome dal nosocomio. “Si fa sempre più insistente l’ipotesi di ulteriore ridimensionamento dei servizi dell’ospedale ‘Carlo Urbani’ – scrive Giuliana – una realtà che nelle intenzioni della Regione doveva essere un fiore all’occhiello della sanità marchigiana”. La vedova Chiorrini parla di un “progressivo depauperamento dei servizi sanitari e degli organici” e richiama gli ideali di diritto alla salute portati avanti dal marito. Uno spirito che “si è perso quasi completamente” nella gestione e nei progetti relativi all’ospedale jesino.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*