La Fondazione Colocci festeggia i 20 anni di attività | | Password Magazine
Festival Pergolesi

La Fondazione Colocci festeggia i 20 anni di attività

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – La Fondazione Colocci ha festeggiato i suoi primi 20 anni di attività culturale tra il plauso dei rappresentanti dell’Università di Macerata, con cui l’ente che ha sede in via Angeloni collabora da 19 anni, e i suoi soci fondatori: Comune di Jesi, Carisj, Banca delle Marche, Banca Popolare di Ancona.

“Da una situazione modesta di appena 40 iscritti nel 1996 – ha dichiarato il Presidente dei corsi di laurea presenti a Jesi Giorgio Galeazzi – abbiamo attraversato un lungo percorso che ci ha portati a risultati importanti, con un numero elevato di iscritti ed uno standard qualitativo dei laureati superiore alla media”. Quali sono stati i punti di forza della sede distaccata del Dipartimento di Giurisprudenza dell’ateneo maceratese? “L’approccio formativo – ha detto Galeazzi – perché fortemente legato alle prospettive di lavoro e ad una effettiva applicabilità professionale sul territorio, l’assunzione di personale universitario giovane interamente dedito alla didattica jesina, la collaborazione proficua con la Fondazione Colocci, con cui è stato possibile investire al meglio nel capitale umano e nel nostro tessuto sociale”.

Pienamente d’accordo Ermanno Calzolaio, Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza: “Questo compleanno oggi ci permette di celebrare una collaborazione gloriosa con la Fondazione Colocci e di riflettere sul grande valore che ha assunto questa sede universitaria, che ci ha reso estremamente soddisfatti da ogni punto di vista: dalla tipologia della struttura ai servizi garantiti agli studenti, dal personale universitario impiegato in sede, che rappresenta quasi la metà di quello presente nell’intero Dipartimento giuridico, alla vivacità di questo polo accademico, che abbiamo mantenuto come una sezione distaccata dell’ateneo”.

“In questi 20 anni – ha sottolineato Gabriele Fava, Presidente della Fondazione Colocci – l’impegno dei nostri soci fondatori e il lavoro svolto dai Consigli di Amministrazione che si sono succeduti sono stati fondamentali per diventare la sede di eccellenza che siamo oggi. Siamo passati dall’unico corso di laurea presente nel 1996, l’Operatore Giuridico d’Impresa, all’attuale corso triennale in Scienze Giuridiche Applicate, che permette di scegliere tra ben quattro diversi indirizzi: Operatore Giudiziario e Criminologico, Consulente per il Lavoro, Scienze dell’Amministrazione e il neo Consulente per i Trasporti; a ciò si aggiungono il biennio specialistico in Scienze dell’Amministrazione Pubblica e Privata, che sigla la possibilità per i nostri studenti di completare il ciclo di studi, e la sezione distaccata del Dipartimento di Giurisprudenza per lo studio e la ricerca, che ci permette di essere un polo universitario a tutti gli effetti”. Fava ha ricordato il record di iscritti registrano l’anno scorso con 188 nuovi studenti: “Un numero che contiamo di mantenere – ha specificato – visto il grandissimo interesse suscitato dal nuovo indirizzo in Consulente per i Trasporti per il quale stiamo ricevendo richieste da tutta Italia, grazie anche alla convenzione attivata con Unasca”.

La provenienza degli studenti iscritti della Colocci testimonia il forte radicamento col territorio: il 27% infatti risiede a Jesi e nella Vallesina, il 43% nel resto dello provincia di Ancona, ma si registrano anche un buon 12% da altre province e un 18% da fuori regione. Dal 2001 ad oggi sono 520 gli studenti che si sono laureati nella città di Federico, in gran parte giovani, ma anche non più giovanissimi che, grazie alla centralità della sede e alle tasse contenute, hanno potuto comunque investire nel proprio percorso formativo. Circa un migliaio sono stati gli eventi esterni ospitati dalla Fondazione Colocci. Gli obiettivi futuri a cui si sta lavorando sono l’attivazione in città di uno studentato e di una mensa.

Massima la collaborazione siglata da tutti i soci fondatori per la realizzazione degli obiettivi futuri posti. Il sindaco di Jesi Massimo Bacci ha infatti detto: “L’Università a Jesi è una realtà importante. I soggetti che hanno lavorato a questa realtà ci hanno creduto, perfezionando strutture di livello che ci hanno permesso di aumentare il numero degli iscritti e dei laureati. È nostra intenzione ottimizzare le sinergie tra scuola, lavoro e tessuto sociale, per un ulteriore salto di qualità. Attualmente stiamo discutendo il nuovo piano strategico della città: la Fondazione Colocci sicuramente svolgerà un ruolo importante in questo progetto e per questo sarà pienamente coinvolta, specie in virtù della presenza del biennio specialistico che vede la formazione di laureati esperti del settore pubblico”.

Alfio Bassotti, Presidente della Fondazione Carisj: “Cercheremo di mantenere in futuro al primo posto il nostro impegno con la Fondazione Colocci, perché crediamo nell’importanza di investire nei giovani. Massima è la soddisfazione per l’attivazione del biennio specialistico, tra i primi obiettivi posti all’inizio di questa avventura accademica, e del nuovo indirizzo rivolto ai trasporti, che consideriamo un segmento essenziale dal punto di vista della formazione e delle prospettive professionali. Relativamente allo studentato: metteremo a disposizione sia i locali che il progetto, che è già pronto, perché siamo convinti di quanto sia utile al completamento dell’offerta formativa attualmente presente a Jesi. Ecco perché, nonostante le difficoltà economiche, faremo il possibile per trovare gli adeguati fondi di investimento per portare avanti questo nuovo traguardo. Siamo sicuri che la sede jesina avrà un futuro d’oro”.

D’accordo anche Corrado Mariotti, Presidente della Bpa, che ha sottolineato la collocazione ideale della sede per i neo iscritti in Consulente per i trasporti, vista la presenza di porto, aeroporto e interporto a due passi da Jesi, e Luciano Goffi, Direttore di Banca Marche, che ha ribadito la volontà di collaborare per sostenere l’attività accademica che “si è conservata in 20 anni grazie agli ottimi risultati ottenuti, nonostante la rivoluzione messa in atto dalla riforma universitaria e le dure prove incontrate durante il percorso”.

La giornata celebrativa ha visto la partecipazione del prof. Arthur Rubens, della Florida Gulf Coast University, che ha tenuto una lectio magistralis su Globalization and the need to focus on quality (Globalizzazione e bisogno di focalizzare nella qualità); sono intervenuti anche il dott. Giuseppe Rossi di Simonetta Company e il dott. Gino Romiti di Loccioni Group.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.