La jesina Virginia Barchiesi nominata «Alfiere della Repubblica» | Password Magazine

La jesina Virginia Barchiesi nominata «Alfiere della Repubblica»

La giovane vive a Jesi, frequenta il Liceo classico Vittorio Emanuele II ed è una giovane volontaria UNICEF

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Nella foto, Virginia Barchiesi
In foto, Virginia Barchiesi

JESI – Riconoscimento per Virginia Barchiesi, 17 anni, nominata stamani Alfiere della Repubblica al Quirinale dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

La giovane vive a Jesi, frequenta il Liceo classico Vittorio Emanuele II ed è una giovane volontaria UNICEF fondatrice del gruppo «Younicef – Young for UNICEF» delle Marche. Stamattina per lei e altri 24 ragazzi è arrivato il titolo in ritenuti dal Capo dello Stato «giovani che si sono distinti come costruttori di comunità, attraverso la loro testimonianza, il loro impegno, le loro azioni coraggiose e solidali. Sono giovani che rappresentano modelli positivi di cittadinanza e che sono esempi dei molti ragazzi meritevoli presenti nel nostro Paese».

In particolare, Virginia è stata insignita «per l’impegno profuso in difesa dei diritti dei bambini migranti e dei giovani rifugiati e per la ricerca e la promozione di un linguaggio che cancelli i pregiudizi e aiuti l’inclusione».
«È una notizia – ha detto Presidente dell’UNICEF Italia Francesco Samengo – che ci rende particolarmente orgogliosi, proprio perché viene premiata una ragazza così giovane che si impegna per un futuro più giusto e solidale.  Virginia è una brillante rappresentante dei valori dell’UNICEF, e a lei esprimiamo tutta la nostra gratitudine per l’impegno, la serietà, la costanza e la passione con cui immagina e realizza ogni iniziativa, dando coerenza alle sue parole con azioni che rappresentano concretamente gli ideali in cui crede».
In questi anni la ragazza ha organizzato eventi di raccolta fondi e di sensibilizzazione, diffondendo con passione la missione dell’UNICEF nella sua realtà territoriale. «Particolarmente importante – si legge sul sito dell’UNICEF –  è stato il suo impegno nel coinvolgimento di oltre 2.000 studenti sul tema dei minorenni stranieri non accompagnati attraverso l’organizzazione di Assemblee d’Istituto congiunte. Inoltre, Virginia ha collaborato alla realizzazione di laboratori sui diritti dell’infanzia dedicati ai bambini migranti e all’insegnamento della lingua italiana per giovani rifugiati». Virginia è una ragazza propositiva ed entusiasta, appassionata di letteratura, politica internazionale e lingue straniere, al cui studio si è dedicata per soddisfare il grande desiderio di conoscenza dell’altro.
Nelle Marche, anche una seconda ragazza è stata insignita del titolo: è Maria Gabriella Lucarini, 11 anni, di Camerino, che ha ottenuto questo riconoscimento «per l’attaccamento dimostrato a Camerino, città dove è cresciuta e di cui è diventata, dopo il terremoto, testimone della volontà di ricostruzione». Ha composto una poesia diventata simbolo della ripresa e ha avuto tanto successo anche all’estero.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.