Astralmusic

Macerata, sul web solidarietà choc a Luca Traini: «Santo subito»

MACERATA –  Sui social network oltre all’indignazione per il gesto di Luca Traini esplode anche la solidarietà. Nascono gruppi di discussione e tweet pronti a difenderlo, con parole di odio nei confronti degli stranieri: “Hai fatto bene”, si legge tra i commenti degli utenti, “solo risponste violente alla violenza di chi ci toglie tutto”. C’è chi lo vuole “Santo subito”, chi vuole dargli una medaglia al valore e chi lo associa al Duce.

Luca Traini è il 28enne di Tolentino fermato stamattina dai Carabinieri come responsabile degli spari segnalati a Macerata. Bloccato in piazza della Vittoria, dinanzi al Monumento ai Caduti, Luca Traini ha ammesso il fatto. Alla vista degli agenti ha fatto il saluto fascista, poi è fuggito a piedi verso la gradinata del monumento, gettando via alcuni indumenti e mettendosi sulle spalle una bandiera tricolore. Poi l’acchiappo dei carabinieri e inevitabilmente l’arresto.

La pistola l’aveva lasciata in macchina, l’arma con cui verso le 11 aveva iniziato a seminare il panico in città a bordo di un’Alfa 147, sparando per le strade  vicino alla stazione, in via dei Velini, via Spalato, la stessa strada in cui abitava il presunto colpevole del delitto della ragazza fatta a pezzi e chiusa in un valigia, Pamela Mastropietro.

Il giovane ha sparato anche a Piediripa di Macerata, a Casette Verdini, in via Pancalducci, e in Borgo San Giuliano.

Almeno sei le persone, tutte di colore, rimaste ferite: una in maniera grave ma cosciente, mentre gli altri sono stati dichiarati fuori pericolo.

Atmosfera irreale in centro con gente barricata in casa e nei negozi, anche il sindaco ha invitato attraverso i social i cittadini a non uscire. Gli istituti scolastici hanno per il momento bloccato l’uscita degli studenti dalle scuole.

Resta da capire il perchè del folle gesto: una delle ipotesi al vaglio delle forze dell’ordine è che si tratti di una «vendetta» nei confronti della comunità nigeriana. Di nazionalità nigeriana è infatti Innocent Oseghale, l’uomo accusato di aver ucciso Pamela Mastropietro e di averne smembrato il corpo. Alcuni colpi durante la sparatoria hanno colpito anche la sede cittadina del Pd.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*