Massaccesi (Jesiamo): "Banca Marche, proposte per alleggerire i danni" | Password Magazine

Massaccesi (Jesiamo): “Banca Marche, proposte per alleggerire i danni”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Di seguito si riportiamo la nota stampa del Candidato Consigliere Comunale per Jesiamo Daniele Massaccesi:

Due proposte per alleggerire i danni provocati ai cittadini dalla insolvenza di Banca delle Marche, fatte in punta di piedi e con grande rispetto per tutti coloro che sono stati coinvolti, senza voler alimentare illusioni o speranze, ma con la convinzione che la politica qualcosa può fare e che, nel silenzio di altri, il Sindaco Bacci si potrà impegnare in tal senso.

Considerato che chi ha acquistato, al 17% ca del valore, i crediti di Banca Marche vs. i propri clienti, spesso peraltro “coperti” da garanzie anche ipotecarie, è sostanzialmente chi opera nel mondo della finanza, e cerca ovviamente di avere un vantaggio economico dalla operazione promossa;

considerato altresì che molti dei debitori di Banca delle Marche, travolti da una situazione economica sfavorevole e, nello specifico, dalla crisi di Banca Marche, di cui pure erano azionisti, e magari a volte anche “sollecitati”, hanno perso in una notte il valore delle azioni possedute e degli investimenti fatti, unendo disperazione a danno economico;

visto che gli immobili, prima ipotecati e poi pignorati, verranno messi all’asta (spesso si tratta delle abitazioni dei debitori), perché non prevedere, con la regia dell’Amministrazione Comunale, una soluzione che coniughi la posizione – e gli interessi – di chi ha investito (per affari, business od altro), acquistando i crediti di Banca Marche, con l’opportunità, pure almeno altrettanto legittima, di permettere a molti dei debitori/investitori/azionisti di Banca Marche, sostanzialmente, e previo espletamento di trattativa privata, di ricomprarsi il proprio bene immobile pagando alla Società che ha acquistato i crediti di Banca Marche, ed evitando così le aste, una percentuale pari al 30 – 35% del rispettivo debito?

Sarebbe praticamente il doppio di quanto indicato – 17% – in sede di risoluzione, e comunque “stimato”, per il valore dei crediti di Banca delle Marche e, salvo errori, od accordi non conosciuti, anche di quello del prezzo della relativa acquisizione da parte di Società Finanziaria, o di chi li ha rilevati.

Questa soluzione definirebbe in modo assolutamente equo una vicenda per molti aspetti altrimenti allucinante, vissuta sulle spalle di troppi cittadini, e sarebbe una soluzione che potrebbe essere resa possibile anche dal contributo, sotto forma di affidamenti concessi, di UBI Banca, a dimostrazione così, in un momento particolarmente difficile e critico, di una vicinanza al territorio e di un aiuto concreto a coloro che sono stati travolti da questa situazione da parte di questo importante Istituto, che è la continuazione della prestigiosa Banca Popolare di Ancona.

Analogo intervento è possibile, da parte di UBI Banca, con modalità operative che potranno essere studiate ed attuate anche nel quadro di quella auspicata, dovuta collaborazione con il Comune di Jesi, per permettere ai risparmiatori – obbligazionisti – azionisti, già defraudati dei loro investimenti, di ottenere un minimo ristoro: una soluzione potrebbe essere quella di “usufruire” dell’azzeramento del valore delle azioni ( che non sono state annullate) per avere una qualche possibilità, grazie a strumenti tecnici e finanziari, e magari alle azioni UBI Banca, anche attraverso procedimenti di conversione, di ottenere per le loro vecchie azioni “Banca Marche” un valore sicuramente maggiore rispetto a quello attuale, pari a zero.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.