Moreno, la fuga su SS76 e lo schianto. Trenta chilomentri di follia, poi la fine | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Moreno, la fuga su SS76 e lo schianto. Trenta chilomentri di follia, poi la fine

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

GENGA  – Si chiamava Moreno Mammoli, 41 anni, residente a Chiaravalle, l’attore e vittima del doppio incidente sulla Ss76 Ancona-Roma, lungo il tratto fra Monte Roberto e Genga. Un viaggio di 30 chilomentri di puro terrore a bordo di una una Renault Captur iniziato con un litigio con la moglie, costretta a scendere e abbandonata lungo una piazzola di sosta all’altezza di Monte Roberto. Subito dopo il primo incidente con una Fiat 500, su cui viaggiava una coppia, il cui conducente è rimasto ferito in modo non grave. L’autista di un furgone si è fermato a prestare soccorso ma è stato improvvisamente preso a pugni dal Mammoli che ne ha approfittato per rubargli il mezzo e scappare via a tutta velocità in direzione Fabriano. All’altezza di Genga (al km 29), il furgone ha invaso la corsia di marcia opposta mentre dall’altra parte stava arrivando un tir. L’uomo in fuga è morto sul colpo, mentre il camionista è rimasto illeso. Un impatto che ha tutta l’aria di essere volontario e che ha ridotto il furgone in un cumulo di lamiere. All’incidente hanno assistito alcuni testimoni, sentiti dalla Polstrada, intervenuta con tre pattuglie da Fabriano e Jesi. Per rimuovere i mezzi incidentati ci sono volute ore di lavoro da parte dei vigili del fuoco e del personale dell’Anas.  La salma è all’ospedale di Fabriano a disposizione del magistrato.

 

(La foto di Moreno Mammoli da Corriere Adriatico)

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.