Nasce l'Unione dei Comuni di Castelbellino e Monte Roberto | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

È nata l’Unione dei Comuni di Castelbellino e Monte Roberto

CASTELBELLINO/MONTE ROBERTO – Approvato lo Statuto della nuova Unione dei Comuni di Castelbellino e Monte Roberto. In sede di Consiglio comunale – ieri sera quello di Castelbellino – si è votato sì al progetto di accorpamento e condivisione di funzioni comunali, servizi e strategie: emanate le delibere attuative, entro 45 giorni i due Comuni dovranno eleggere i dodici consiglieri dell’Unione, 6 rappresentanti a testa. All’interno, si individuerà un esecutivo con fino a un massimo di 4 assessori, un presidente ed un vice presidente, nelle vesti dei due Sindaci.  Nessun indennità aggiuntiva è prevista per chi ricoprirà il duplice ruolo di assessore comunale e dell’Unione.

Dopo 12 anni nell’Unione della Media Vallesina, le due Amministrazioni hanno deciso di dare un taglio netto al passato e di unirsi in forma associata in un nuovo ente: “Lo abbiamo fatto in maniera solidale e democratica – spiega il vice sindaco di Castelbellino Massimo Costarelli che da sempre segue l’evoluzione normativa per il proprio Comune – Il motivo? Pur riscontrando dei miglioramenti nell’efficienza di alcuni servizi, non riuscivamo ad ottenere economie di scala ma costi sempre maggiori, in seguito anche alla riduzione dei contributi regionali e statali”. Si aggiunge poi una questione politica: “L’Unione della Media Vallesina era diventata troppo grande per lo svolgimento di tutte le funzioni associate e il Comune di Maiolati Spontini, che all’interno dell’organizzazione avrebbe dovuto ricoprire un ruolo di aggregatore tra i singoli aderenti, in realtà non ha svolto bene il compito di guida politica ispirata ai principi di solidarietà tra Enti e confronto democratico. Le ultime scelte lo dimostrano.  La nuova Unione, invece, nasce in pieno spirito di confronto e dialogo tra due enti paritari, dove nessuno è al di sopra dell’altro. La scelta è stata inevitabile, la direzione irreversibile, all’insegna del principio di solidarietà tra le parti e nel rispetto delle esigenze democratiche dei cittadini”,

Il progetto di unione e coordinamento di servizi e funzioni tra Castelbellino e Monte Roberto era in programma da tempo. Risale all’anno scorso la scelta condivisa di fondare un’Unione che fosse in grado di rispondere alle necessità del territorio: “Una manovra che permetterà di migliorare l’efficacia di alcuni servizi che difficilmente originerà logiche di risparmio: in questo senso, i due Comuni stanno già facendo molto da decenni, sostenendo costi di mantenimento della macchina amministrativa tra i più bassi di Italia – spiega il vice sindaco Costarelli – Castelbellino è al 7.3000esimo posto nella classifica degli 8000 Comuni in Italia per i costi di funzionamento e gestione dell’apparato amministrativo,  con una spesa al di sotto del 25 % per il personale contro il 35 % della media nazionale e un dipendente ogni 300 abitanti rispetto alla media di 1 ogni 140”.

Importante obiettivo sarà svolgere una politica di piccoli passi per condividere ed abituare  i cittadini all’idea di Comuni che lavorano in forma associata affinché possano assumere i caratteri della riforma. Si partirà dall’accorpamento di servizi e uffici che lavoreranno in maniera congiunta. Le prime unità organizzative trasferite all’Unione saranno quelle dei Lavori pubblici, Ambiente e Patrimonio, Polizia municipale, Urbanistica e Pianificazione del territorio. Saranno in unione anche servizi di coordinamento della protezione civile, catasto e trasporti sociali e altri servizi di carattere comunale. Inoltre, saranno individuate nuove sedi sul territorio: la Polizia locale risiederà a Pianello Vallesina mentre l’Ufficio tecnico sarà unificato. Nasceranno piani di lavoro condivisi e uffici con nuovi orari, con potenziamento delle delegazioni comunali e degli uffici governativi (anagrafe e servizi demografici) e conseguente avvicinamento dei servizi al pubblico e alla maggioranza della popolazione che risiede nelle frazioni.

“Inizierà tra i due Comuni anche un percorso che riguarderà tutta la  pianificazione ambientale ed economica, tendente all’uniformità di imposte, regolamenti,  piani ed attività che nel corso del tempo raggiungerà l’obbiettivo della condivisione totale di tutti gli strumenti amministrativi sia per i cittadini di Castelbellino che per quelli di Monte Roberto – conclude Costarelli – senza preclusioni per un’eventuale futura fusione, a condizione che il quadro normativo garantisca una progettualità certa e vantaggiosa, sia da punto di vista economico che da quello del federalismo municipale. Altrimenti terminati gli incentivi per le fusioni, dopo qualche anno, come è successo in passato, i problemi torneranno ad essere sempre gli stessi per i Comuni”.

 

Chiara Cascio | chiaracascio@leggopassword.it

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.