Si siede sulla banchina e muore travolto da un treno | Password Magazine

Si siede sulla banchina e muore travolto da un treno

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Tragedia sui binari nel tardo pomeriggio di ieri: un uomo di 48 anni, di origini anconetane ma residente a Jesi, intorno alle 19.50 è stato investito da un treno in corsa sulla linea ferroviaria a Palombina di Ancona.

L’uomo si sarebbe seduto sul bordo dei binari, con la testa raccolta tra le mani, sulla banchina: inutili gli allarmi sonori inviati dal macchinista del regionale Ancona-Roma qualche attimo prima che si consumasse la tragedia.

Poi il tentativo di frenata e il corpo che veniva sbalzato a 50 metri di distanza.

Non sono ancora chiari i contorni della vicenda ma non è escluso che possa essersi trattato di un incidente piuttosto che di suicidio: sul posto, per i rilievi, si è portata l’Autorità Giudiziaria e gli agenti della Polizia Ferroviaria, insieme a Croce Gialla, automedica, Vigili del fuoco.

Difficile stabilire per ora perchè il 48enne si fosse seduto sulla banchina. L’ipotesi è che non fosse pienamente consapevole di quanto stava accadendo: probabilmente ad agganciarlo e travolgerlo sarebbe stato il predellino.

Impossibile da un primo momento il riconoscimento anche solo del sesso della persona: è stato solo grazie al suo cellulare che, successivamente, gli agenti della Polizia Ferroviaria sono riusciti a rintracciare un amico per l’identificazione.

Intervenuti anche la Scientifica, i carabinieri della stazione di Collemarino e la squadra Volanti.
Secondo prime notizie, l’uomo, prima di morire, avrebbe trascorso gli ultimi momenti insieme alla compagna, lasciata dormire in un’auto, visibilmente incidentata e ferma da giorni nel parcheggio della stazione.

Saranno le indagini della Polfer a far chiarezza sulla dinamica dei fatti. Sul corpo del 48enne potrebbe essere eseguito un esame tossicologico, per capire se l’uomo avesse assunto alcol o sostanze in grado di alterarne la lucidità. Al vaglio degli inquirenti anche le immagini delle telecamere di videosorveglianza. Esclusa al momento una qualsiasi responsabilità del macchinista.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.