Storie di imprenditrici marchigiane in Senato, nel ricordo di Graziella Rebichini Loccioni

ROMA – Un’altra tappa del Marzo Loccioni si è realizzata. Ieri, a Roma, si è svolta una giornata dedicata a Graziella Rebichini Loccioni, trascorsa con il saluto del Presidente della Camera Laura Boldrini a Montecitorio e l’evento sul l’imprenditoria femminile  organizzato dall’On. Silvana Amati in Senato con la presentazione del libro Diario Pubblico di Oriana Salvucci, che racconta le storie delle imprenditrici Marchigiane.

Questo evento è stato fortemente voluto dell’On. Silvana Amati per celebrare l’eredità valoriale di Graziella Rebichini, che insieme al marito Enrico, ha dato vita ad una delle storie imprenditoriali del territorio italiano.

L’imprenditorialità femminile è una matrice profonda dell’industria italiana, che spesso si basa sulle idee delle donne e sulla loro capacità di trasformare un progetto imprenditoriale in progetto di vita. Graziella Rebichini e Enrico Loccioni si inseriscono nel solco di una tradizione che tra la fine del 1800 e gli inizi del 1900 dà alla luce figure affascinanti della storia industriale, personaggi dotati di una semplicità e democraticità innata, eppure capaci di un pensiero complesso e di una attività volitiva al limite dell’idealismo, eroici nei propositi sociali oltre che economici, al punto da delineare strade allo sviluppo industriale innovative, meno conflittuali e futuriste.

I personaggi di Diario Pubblico hanno in comune la passione per un fine che non è la produzione di un prodotto o di un bene soltanto ma è amore per una missione produttiva, strumentale fintantoché è essa stessa volano di crescita culturale e benessere, utile fino a che i suoi proventi e ritorni sono utilizzati a ricreare, dove e fin dove è consentito, uguaglianza e rispetto della persona umana.

Per questi capitani d’industria “la fabbrica” non è solo un luogo di produzione, ma è il motore principale dello sviluppo economico e sociale; un motore che ha anche la responsabilità di mettere a disposizione della collettività e del suo territorio più lavoro, prodotti, servizi, cultura.

Graziella Rebichini, che ha seguito l’impresa di famiglia fin dalla sua fondazione, si è sempre impegnata nel dare concretezza e consistenza alle idee visionarie del marito, occupandosi dei dettagli e della cura delle persone e degli ambienti, così come della parte amministrativa e finanziaria.

 

Comunicato da: Loccioni Group

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*