Nessuno Tocchi Pergolesi: "Offensivo è lo spostamento del monumento" | | Password Magazine
Festival Pergolesi  

Nessuno Tocchi Pergolesi: "Offensivo è lo spostamento del monumento"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI -Prosegue il botta e risposta tra il Comitato Nessuno Tocchi Pergolesi e l’Amministrazione comunale dopo la diffusione di un comunicato stampa del primo che, a detta del secondo,conteneva offese gratuite e violenza verbale contro il Sindaco e la sua Giunta, “espressioni poco in linea con la storia personale e le caratteristiche di gran parte dei cittadini promotori”. Alla richiesta del Comune di spiegazioni e di un’eventuale presa di distanza da parte dei firmatari del referendum dal contenuto della nota, non tardava ad arrivare la risposta di Marco Polita, ex sindaco e aderente al movimento, che con una dichiarazione inviata alla stampa comunicava di dissociarsi da quanto diffuso dal Comitato, non condividendo “strumentalizzazioni politiche della questione né digressioni lessicali contenute in comunicati riferiti a rappresentanti delle istituzioni”.

Il Comitato Nessuno Tocchi Pergolesi riprende allora in mano le redini della situazione e invia stamani le proprie considerazioni sull’intera vicenda:

“In merito al comunicato della Amministrazione Comunale nel quale noi sottoscritti veniamo personalmente chiamati in causa, osserviamo quanto segue: ad una attenta lettura del comunicato del Movimento non si comprende dove e come il Sindaco abbia potuto rilevare violenze verbali ed offese;

In realtà il nostro comunicato, che tutti condividiamo integralmente e con assoluta convinzione, contiene solo considerazioni di natura tecnica e culturale, finalizzate ad evidenziare le contraddizioni del progetto riguardante Piazza Pergolesi. L’unico elemento di natura politico-amministrativa è costituito dalla nostra valutazione circa l’assurdo spostamento del monumento a Giovanbattista Pergolesi che giudichiamo offensivo per la sensibilità e per la storia della nostra città, oltreché tecnicamente rischioso.

Il metodo di interpellare per nome e cognome soltanto alcuni rappresentanti del Movimento è volutamente intimidatorio nei confronti di chi viene citato e mortificante per chi non viene nominato. Un metodo, dunque, che nulla ha a che vedere con le regole di un corretto confronto democratico.

Noi sottoscritti, con l’intero Movimento, siamo ancora in paziente attesa di risposte concrete dall’Amministrazione comunale circa l’agibilità della procedura utile ad effettuare il referendum popolare richiesto.
Firmato:  Vittorio Massaccesi, Gabriele Fava, Federico Tardioli, Osvaldo Pirani, Alfio Bassotti, Ero Giuliodori, Pierluigi Santarelli”. 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.