Nuova casa della scherma, apre il cantiere - Password Magazine

Nuova casa della scherma, apre il cantiere

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Iniziati i lavori del nuovo Palascherma, nello stesso complesso sportivo del PalaTriccoli, in via delle nazioni. Da “palazzetto” a “casa della scherma“. L’impianto, suddiviso in zona servizi, reception e palestra con 17 pedane, diventerà anche centro nazionale del fioretto. Un intervento con un quadro economico pari a 4 milioni 500 mila euro che, da cronoprogramma, verrà terminato entro maggio 2024, in un arco di tempo pari a 440 giorni.

Un “giorno storico”, come l’ha definito il sindaco Lorenzo Fiordelmondo. “Ci accingiamo alla creazione di uno spazio identitario per la nostra città. Siamo portatori di una cultura che ci rappresenta e ci dà modo di esplicitare un orgoglio”. “Il progetto”, ci tiene a sottolineare”, frutto di una collaborazione tra Stato, Regione Marche e Comune di Jesi, “ha conosciuto una filiera istituzionale allineata. Attraverso la scherma continuiamo a dar vita a un’importante crescita collettiva“.

“Andare a lavorare su una cittadella dello sport è un dato stimolante” prosegue l’assessore allo sport Samuele Animali. “È il cuore dello sport jesino, con tutta una serie di risorse, relazioni e opportunità. Anche come luogo dove le persone possano trascorrere il tempo libero, utilizzare attrezzi all’aperto e praticare altre attività come pattinaggio, pallavolo e calcio”.

“Quest’intervento vuole presentare la casa della scherma come luogo di eccellenza capace di aggregare”, annota l’assessora ai lavori pubblici Valeria Melappioni. “La facciata in materiale tessile innovativo permette di mostrare serigrafie sulla disciplina della scherma. L’interno invece ospita ben 17 pedane per allenarsi”, numero maggiore anche alle 12 del Palascherma di Ancona.

“Un progetto che era già in partenza eccellente” sottolinea la Jacobs, azienda realizzatrice. “Abbiamo solo fatto delle piccole migliorie su luminosità e consumi ridotti al minimo. L’impianto fotovoltaico da 55 kilowatt fa fronte infatti ad esigenze di risparmio energetico”.

Al via i lavori proprio in questi giorni. “Un momento che aspettavamo con trepidazione” annota Maurizio Dellabella, presidente del Club scherma Jesi. “L’ubicazione è assolutamente in linea con la sinergia di altri impianti sportivi come il PalaTriccoli. Una struttura con due anime, la realtà sportiva conosciuta a livello internazionale e il patrimonio educativo che rappresenta sul territorio locale. Cercheremo di renderlo quanto più vivo possibile”. Jesi d’altronde è già centro federale per il fioretto, come ha ricordato Stefano Angelelli, presidente della Federazione Italiana Scherma: “vivere in questa città è un onore e un orgoglio”.

Secondo il progetto, non rimarrà inutilizzato nemmeno il vecchio palazzetto della scherma di via Solazzi. “C’è l’idea di verificare la funzionalità di questo spazio come parte delle palestre scolastiche del vicino liceo scientifico” ha sottolineato il sindaco, “al fine di mantenerne la sua identità anche attraverso le nuove generazioni”.

A cura di Angela Anconetani Lioveri

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.