Nuova scuola Lorenzini pronta tra 3 anni. Illustrato il progetto

JESI – Sorgerà nell’area scoscesa che si affaccia su via Schweitzer la nuova scuola Lorenzini: il progetto definitivo del nuovo edificio è stato illustrato questo pomeriggio in un’assemblea pubblica aperta ai cittadini organizzata dal Comune di Jesi.

L’assessora Lenti e l’assessore Renzi

Ad illustrare i dettagli, il sindaco Massimo Bacci, l’assessore ai Lavori pubblici Roberto Renzi unitamente ai progettisti di “Studio Gruppo Marche” di Macerata e tecnici del Comune di Jesi. Presente anche l’assessora Paola Lenti che, parlando della necessità di creare comitati di quartiere, ha espresso l’intenzione di avvicinare i cittadini all’attività dell’Amministrazione in un’ottica di partecipazione.

Il nuovo fabbricato, in cemento armato e “nZeb” ovvero a risparmio energetico (nearly Zero Energy Building) sarà composto da quattro “corpi”: aule normali, aule speciali (ovvero laboratori, biblioteche, aula informatica, e così via), atrio e nuova palestra.

L’accesso sarà da via Schweitzer e condurrà ad un agorà.

La facciata d’ingresso sarà completamente vetrata e dotata di numerose ante apribili. Ciò permetterà di
mettere in comunicazione diretta l’agorà interna con l’ampio piazzale esterno, creando una forte
connessione con lo spazio ricreativo ed il teatro all’aperto.

All’ingresso, ad accogliere gli studenti ci sarà l’atrio con una scalinata e una platea finale dove sarà possibile per  sedersi per ricreazione o realizzare magari spettacoli o attività ricreative extrascolastiche. Da qui si potrà accedere alle aule speciali, agilmente fruibili anche da un pubblico esterno nelle ore pomeridiane.

Illustrazione del progetto Nuova Lorenzini

Il corpo aule normali e quello delle speciali si svilupperanno su due piani. Alcune aule saranno dotate di parete mobili cosicché sia possibile condividere le attività tra più classi. La palestra, dotata di spogliatoi e tutti i servizi, compresi bagni e locali medici di pronto soccorso, avrà un’area sportiva di dimensioni 22 x 34 m circa.

Un’opera complessiva da quasi 4,4 milioni di euro: 895 mila euro sono stati assegnati dalla Regione Marche per finanziare la demolizione del vecchio edificio e la ricostruzione del nuovo; gli altri 3,5 milioni arriveranno dall’Inail che aveva emanato un bando per finanziare progetti, con un meccanismo di primalità basato su finalità e mole dell’intervento, a cui il Comune aveva partecipato ed era stato ammesso in graduatoria.

Ci vorranno almeno tre anni prima di poter vedere completata la nuova scuola: l’assessore Renzi ha precisato che, oramai giunti al termine della progettazione esecutiva, spetterà all’INAIL ora aprire il bando per l’assegnazione degli appalti.
C’è invece ancora tempo per presentare idee e suggerimenti sulla riqualifica dell’area di viale Verdi dove sorgeva la vecchia Lorenzini, recentemente demolita: l’assessore si è detto disponibile ad ascoltare i consigli dei residenti del quartiere, così da poter attrezzare lo spazio verde sulla base di sentite esigenze. Tra le varie ipotesi, si insinuava il dubbio se lasciare o meno eventuali spazi di sosta, se eliminare quel muretto di recinzione che delimita l’area o se invece lasciarlo come barriera di protezione rispetto alla strada trafficata. A breve, l’area sarà illuminata così da rendere più sicuro il passaggio di pedoni nella zona.

(C.C.)

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*