Vinitaly: Casalfarneto e Rocca dei Forti promuovono le Marche. | Password Magazine
Festival Pergolesi

Vinitaly: Casalfarneto e Rocca dei Forti promuovono le Marche.

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Da sinistra: dott. Alberto Mazzoni (IMT), Paolo Togni dell'azienda Togni s.p.a., Giancarlo Sagramola vice presidente della Provincia di Ancona e Daniele Olivi assessore di Jesi

Conto alla rovescia per il Vinitaly, il Salone internazionale dei vini e dei distillati più importante al mondo, che si terrà a Verona, da domenica 25 a mercoledì 28 marzo.

In uno spazio espositivo di 150 metri quadrati, maggiore per dimensione rispetto agli anni precedenti, le aziende marchigiane saranno chiamate a promuovere non solo il vino, ma anche il territorio e le sue eccellenze.

A dirlo è il direttore dell’Istituto Marchigiano Tutela Vini Alberto Mazzoni che, nella conferenza stampa di anteprima, svoltasi ieri presso l’Enoteca regionale di Jesi, ha dichiarato: “Grazie al contributo della Regione Marche e all’impegno dell’assessore regionale Paolo Petrini, le Marche presenteranno alla fiera di Verona più di 200 vini, mostrando compattezza e spirito di aggregazione in un momento difficile in cui la crisi economica internazionale colpisce anche le produzioni locali. Cresce comunque l’esportazione, pur se lentamente e gradualmente, grazie all’ottimo rapporto qualità/prezzo dei nostri prodotti e all’interesse per il nostro territorio”.
Guarda al futuro con ottimismo l’azienda Togni, presente al Vinitaly, nel padiglione delle Marche, con Casalfarneto, la cantina di Serra de’ Conti che punta sull’alta qualità del Verdicchio dei Castelli di Jesi, e con Rocca dei Forti, brand di bollicine marchigiane e nazionali che si colloca al terzo posto tra le aziende spumantistiche italiane.

“Alla crisi, preferiamo l’ottimismo – ha spiegato Paolo Togni dell’azienda Togni spa – ne ha bisogno la nostra Regione. Le sfide si vincono ottenendo risultati: e io credo che essere la terza azienda spumantistica italiana, con tradizione marchigiana, sia motivo di orgoglio per tutto il territorio”.

Saranno due le novità proposte da Togni spa al Vinitaly: il Blancs de Blancs, spumante d’eccellenza targato Rocca dei Forti, massima espressione dell’etichetta di Serra San Quirico, e il Crisio, in arrivo da Casalfarneto, nella nuova denominazione di origine controllata e garantita Castelli di Jesi Verdicchio Classico Riserva, dove il nome del territorio è stato messo in primo piano proprio per meglio valorizzarlo e promuoverlo in Italia e nel mondo.

Se il Blancs de Blanc si posiziona come brut di altissimo livello, ricavato da varietà selezionate di uve Riesling e Chardonnay, il Crisio è un vino elegante ed equilibrato che nasce dalla storia, dalla tradizione, ma soprattutto dalla cultura degli uomini e della Vallesina.

“Credo che nel Verdicchio ci sia la massima espressione del territorio e della nostra gente – ha commentato Giancarlo Sagramola, vice presidente e assessore all’Agricoltura della Provincia di Ancona – esprime la laboriosità e la ruvidezza di un popolo tenace, determinato, capace di scavalcare le difficoltà”.

In ultimo, l’assessore allo Sviluppo Economico di Jesi Daniele Olivi, presente alla conferenza, ha dichiarato: “L’azienda Togni è un chiaro esempio di come imprenditorialità e territorialità, unitamente ai sani valori della famiglia, rendano le aziende marchigiane forti ed uniche nel panorama enologico internazionale”.

Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.