«Pace è Volontariato», il liceo delle Scienze Umane incontra la Croce Verde di Jesi

JESI – La “Giornata regionale per la Pace” rappresenta il coronamento dell’impegno della comunità marchigiana sui temi della convivenza civile, della cittadinanza attiva e responsabile, della promozione della cultura di pace: quest’anno le scuole di ogni grado e ordine hanno esplorato l’esperienza del volontariato seguendo il tema “Pace è Volontariato” e una di queste ha toccato anche il mondo della Croce Verde di Jesi.

La classe 5a del Liceo delle Scienze Umane di Jesi, con opzione economico sociale, ha partecipato al concorso presentando una loro ricerca dal titolo “Il contributo del volontariato per la convivenza pacifica”: nel quinto anno, per la disciplina “scienze umane”, gli studenti devono trattare metodologia della ricerca con particolare attenzione all’organizzazione delle varie fasi del lavoro di ricerca con rigore metodologico e al saper cooperare con esperti di altre discipline per lo svolgimento di attività di ricerca multidisciplinare in area socio-economica.

La ricerca a carattere sociologico prevedeva una prima definizione delle parole “Pace” e “Volontariato” prendendo spunto dalle enciclopedie Treccani e Garzanti Linguistica per avere ben chiari i concetti a cui le due parole fanno riferimento. La seconda fase prevede la formulazione di un’ipotesi: il volontariato migliora la coesione sociale che è un fattore determinante per il benessere collettivo. A questo punto la classe aveva bisogno di analizzare alcuni aspetti riguardanti il volontariato: come influisce nella convivenza pacifica, come aumenta la solidarietà fra gli individui, come promuove la tolleranza verso conflitti o situazioni difficilmente sostenibili. Hanno dunque stilato una lista delle entità contattabili nella regione Marche da sottoporre alle interviste ed è qui che è entrata in gioco la Croce Verde di Jesi:  «Si è instaurata una collaborazione particolarmente ravvicinata con la Croce Verde di Jesi perché l’abbiamo presa un po’ come punto di riferimento per il progetto – commenta Marneo Serenelli, professore di scienze umane della classe – aldilà delle altre che hanno preso parte alla ricerca come la Croce Verde di Serra San Quirico, l’associazione Raffaello di Camerino, la Protezione Civile e lo I.O.M.».

Durante la scorsa settimana, la Croce Verde di Jesi ha quindi ospitato la classe 5a del Liceo delle Scienze Umane per mostrare e far toccare con mano che cosa è “volontariato” e che cosa fa l’associazione tutti i giorni: «È importante diffondere la filosofia del volontariato perché associazioni come la nostra si fondano su persone che donano il proprio tempo alla comunità, gratuitamente» spiega la volontaria Serena Montelli.

Dopo un accurato giro e spiegazione dei mezzi di soccorso, gli studenti hanno preso la parola intervistando due volontari dell’associazione. Il risultato? Racconti, emozioni e verità su quello che è il volontariato: un eccezionale mezzo per creare cittadini migliori.

A volte la soluzione ce l’abbiamo davanti ai nostri occhi, ma non riusciamo a vederla.

“Pace è Volontariato”, provare per credere.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*