Passione e talento, nuovo allestimento in psichiatria grazie agli allievi del Mannucci | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Passione e talento, nuovo allestimento in psichiatria grazie agli allievi del Mannucci

JESI –  E’ stata un’altra giornata speciale e di condivisione, quella di ieri, 28 aprile, per il reparto del servizio psichiatrico di diagnosi e cura, diretto dal dott. Stefano Bonifazi, che si trova al primo livello dell’ospedale cittadino “Carlo Urbani”.
Un altro tassello, infatti, è stato aggiunto nell’opera di completamento di spazi studiati per rendere meno opprimente un reparto ospedaliero, specialmente se particolare come questo, a beneficio di ospiti e famiglie. E stavolta ci hanno pensato gli allievi dell’istituto d’arte “Mannucci“, presente anche il vice presidedelle tre sedi di Ancona, Jesi e Fabriano, Eros Stampatori che ha espresso grande soddisfazione per il lavoro portato a termine con impegno e dedizione dagli allievi.

Si era iniziato con quelli  della Scuola Internazionale di Comics che, come recita un pannello all’ingresso del reparto, hanno portato colore – nell’ottobre scorso –  in quegli ambienti. E il colore – tutto l’occorrente fornito dalla ditta Caparol –  consiste in un murale realizzato lungo la parete che racchiude il cortile interno. Cento mq di viaggio onirico sulle ali della libertà.
Dall’altra parte della stessa parete sono entrati all’opera i ragazzi della IV e III A del “Mannucci” che, coadiuvati dai professori Massimo Ippoliti – discipline plastiche e scultoree – e Luca Pettinari – design del gioiello –  hanno  allestito lungo tutto il perimetro una serie di opere in alluminio.
Il progetto è stato realizzato dagli allievi del quarta classe alla quale poi si è aggiunta la terza che ha contribuito all’installazione e a dipingere il fondo. Quando si tratta di materiale di pittura anche stavolta è stato necessario l’apporto della Caparol, sempre sensibile e disponibile per queste iniziative – vedi anche Chromaesis – e fondamentale quello dell’Imesa che ha messo a disposizione l’alluminio e il taglio laser.
“Si tratta di materiale costoso – spiega Ippoliti – e la partecipazione dell‘Imesa è stata determinante”.
I bozzetti sono stati presentati nel corso del primo quadrimestre e una volta arrivato l’ok, si è passati alla fase realizzativa.


“I ragazzi – spiega ancora lo scultore – si sono ispirati al senso di condivisione, all’abbattimento delle barriere e non a caso si possono ammirare mani che si intrecciano, uccelli che volano. Ne è venuta fuori una scacchiera dove la forma dapprima è racchiusa nel telaio poi ne fuoriesce”.
Una dimensione simbolica per una maggiore integrazione con il luogo, quasi una casa comune che faccia sbiadire il senso di segregazione.
Tutto intorno alla parete decorata uno spazio libero dove dovrebbe affacciarsi, proprio di fronte al reparto, un punto ristoro. E il progetto prevede di coinvolgere gli studenti dell’Agrario per dar vita a un’area verde, un giardino. Bisognerà lavorarci…

A cura di Pino Nardella

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.