Piazza Colocci, vegetazione infestante sui reperti: entro primavera la copertura

JESI – Licheni e piccola vegetazione infestante iniziano ad apparire sui reperti archeologici emersi in piazza Colocci. Come previsto dai tecnici della Soprintendenza, che avevano già messo in guardia sulla fragilità dei reperti,  con l’arrivo della stagione invernale, le strutture murarie esposte alle pioggie e alle intemperie stanno iniziando a ricoprirsi di “macchie verdi“. Senza contare che l’intero cantiere, presentato come primo caso di archeologia pubblica delle Marche e da alcuni mesi fermo in attesa del via ai lavori di ricopertura, viene scambiato da alcuni per una discarica a cielo aperto dove gettare bottiglie, lattine e altri rifiuti.

Ben presto, però, sarà restituita la dignità ad una delle piazze più suggestive della città: dopo lunghi mesi in cui questi resti medievali erano entrati a far parte del vivere quotidiano, con l’arrivo del 2018 partiranno i lavori di ripulitura dei reperti, di copertura e ripavimentazione che si protrarranno fino a primavera inoltrata quando finalmente piazza Colocci sarà ultimata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*