Piazza verso il restyling, Comitato Nessuno Tocchi Pergolesi: «Attesi risultati accettabili» | Password Magazine

Piazza verso il restyling, Comitato Nessuno Tocchi Pergolesi: «Attesi risultati accettabili»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Dagli atti ufficiali dell’Amministrazione comunale, come apparso anche su “Jesi Oggi” pag. 4 di dicembre, si conferma che quanto prima inizieranno i lavori della ristrutturazione
di piazza Pergolesi: “E sarà l’inizio di un articolato programma che interesserà, in
successione, anche corso Matteotti e piazza della Repubblica. Difficile dire entro
quanto si completerà il tutto: di certo ci vorranno alcuni anni”.

Il Comitato Nessuno Tocchi Pergolesi, nel prendere atto di questo programma, ricorda che «i lavori, urgentissimi, di corso Matteotti erano già previsti per l’ultimo biennio della precedente legislatura. Si teme che anche in questa i tempi (e i soldi) non saranno certo a favore del restyling del Corso, ma quasi certamente ci si fermerà ai lavori previsti per piazza Pergolesi».

Mentre il Comitato ribadisce che la precedenza dovrebbe essere data al Corso Matteotti, si sottolinea con soddisfazione due motivi: «Il primo è dato dalla volontà dell’Amministrazione di “puntare a valorizzare al meglio la chiesa di San Nicolò”, cioè risolvere il tema fondamentale della “liberazione” dell’abside – si legge in una nota stampa – Un’assicurazione da sempre presente, anche se al momento, dopo cinque anni, non si è riusciti ad ottenere alcunché, nonostante le sollecitazioni e i suggerimenti provenienti dal Comitato pro San Nicolò, sostenuto nella sua azione dalle firme di centinaia di cittadini e di numerose Associazioni culturali».

Il secondo motivo è dato dal constatare che il monumento Pergolesi – allo spostamento del quale il Comitato si è sempre nettamente opposto – verrà “spostato leggermente più indietro”: «È difficile dire come deve essere interpretato quel “leggermente”. Del resto è la prima volta che l’Amministrazione si pronuncia, a questo proposito, in modo tanto discreto, per una iniziativa, già di per sé, del tutto negativa – si apprende dalla nota del Comitato – che se “leggermente” volesse dire pochissimi metri e non i 15 e oltre previsti dal progetto, sarebbe una operazione incomprensibile e del tutto inutile, considerando anche i rischi di possibili, imperdonabili danni della scultura».

Le iniziative del Comitato che hanno bloccato per un anno i lavori in ragione del
richiesto referendum, «purtroppo non approvato dagli organi preposti con
motivazioni assai discutibili, hanno in ogni caso permesso alla città e
all’Amministrazione alcuni approfondimenti della “questione monumento” che ci
auguriamo possano produrre esiti da tutti accettabili».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.