Intervista a Massimo Gianangeli | Password Magazine
Festival Pergolesi

Intervista a Massimo Gianangeli

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Nella foto, Massimo Gianangeli candidato sindaco Movimento 5 Stelle

Questa settimana intervistiamo Massimo Gianangeli, candidato a Sindaco di Jesi per il Movimento 5 Stelle.

Prima di tutto… chi è Massimo Gianangeli?

“È un cittadino di 41 anni che vive con la sua compagna e la sua bimba di 4. Sono un musicista, lavoro come professore d’orchestra al Conservatorio. Il mio percorso politico è iniziato con una breve esperienza in un partito – e sottolineo breve perché l’ho abbandonato non appena ho capito che non potevo portare avanti le mie idee – ed è continuato poi nel Comitato Tutela Salute e Ambiente, con il quale ho fronteggiato diverse battaglie, tra cui quella per la questione SADAM”.

Perché nasce il Movimento 5 Stelle?

“Oggi stiamo assistendo ad una situazione gravissima: disoccupazione, precarietà, crisi economica e politica… questi non sono altro che i sintomi di una malattia di sistema che va avanti già da tempo. Se siamo arrivati a questo punto è perché, alla base, c’è un metodo sbagliato di amministrazione politica, una logica di “spartizione del potere” che penalizza i cittadini e che va sotto il nome di “Partito Unico degli Affari”, fenomeno senza colore e trasversale. C’è un problema di sistema che va denunciato se vogliamo dare delle prospettive alle generazioni future. Siamo motivati e decisi a ripiantare certi concetti nella Politica, a partire dalla nostra città”.

Su quali valori si basa il Movimento 5 Stelle?

“Ci ispiriamo al movimento nazionale fondato da Beppe Grillo. Va precisato che non siamo dei fanatici dell’ex comico genovese ma che rappresentiamo piuttosto una proposta, l’alternativa ad un futuro preconfezionato che parte dalla condivisione di alcuni principi: possono accedere all’amministrazione della cosa pubblica soltanto individui incensurati, non iscritti a partiti politici e che non abbiano assolto a mandati elettorali negli ultimi dieci anni . Sono le uniche condizioni richieste da Beppe. Per il resto,  il movimento è di fatto libero, perché non riceve finanziamenti pubblici o privati né deve rispondere a nessun organo partitico superiore per l’attività politica attuata sul territorio ma soltanto ai cittadini. È una variabile stimolante, a più direzioni, un movimento che può entrare nel sistema senza farne parte. Se c’è la possibilità di entrare nel meccanismo dell’amministrazione pubblica da liberi… perché non provarci?”

Il Movimento attira di più i giovani o gli adulti?

“La nostra lista è una sorta di campione della società, con elementi che vanno dai 20 ai 70 anni. Ad ogni modo, credo che l’età anagrafica sia un concetto relativo, così come lo è il genere. Personalmente, ho scoperto di avere in lista dieci uomini e dieci donne leggendolo da un giornale …  io non me ne ero accorto! E questo perché la scelta dei candidati non è stata fatta sulla base del sesso o dell’età ma sulle competenze di ognuno di loro! Parlare di quote rosa o dei pochi giovani in politica in realtà significa nascondere il vero problema: la politica non lascia spazio alle persone capaci”.

Anche gli anziani, dunque, hanno interesse per un movimento fresco e nuovo come il Movimento 5 stelle.

“Sì, personalmente li ho trovati d’accordo con i concetti di ordine, di legalità e, soprattutto, con l’idea di una politica dei servizi. Ossia, amministrare non deve divenire una professione quanto piuttosto la disponibilità di alcuni a mettere le proprie competenze a servizio della comunità”.

Su cosa si basa il vostro programma?

Innanzitutto sulla trasparenza. Un elemento quasi assente in una realtà dove la semplicità delle questioni lascia il posto ad una “complessità” che nasconde, spesso, interessi da tutelare. Una politica basata sulle promesse non va più bene. Dati i problemi della società odierna, non sono ammesse più deroghe. Ogni atto prodotto deve essere reso pubblico. Anche i Consigli comunali devono essere comunicati ai cittadini tempestivamente e poter essere accessibili e visionabili in rete, attraverso Internet e le nuove tecnologie. In questo modo, anche un sindaco può amministrare meglio e con più tranquillità, consapevole che esiste un meccanismo di controllo – e autocontrollo – virtuoso che non ammette più errori”.

Come interverrete per risolvere i vari problemi della città?

“Crediamo in un metodo politico che cerca l’accordo anche con le altre fazioni. Il Movimento 5 stelle non è a destra né a sinistra. Se la strada che si sta percorrendo è sbagliata allora occorre intervenire con una proposta politica che non tenga conto del problema ideologico ma di quello reale. Di fronte alle difficoltà bisogna unirsi e tentare di superarle insieme, senza dover incasellare per forza il tutto in una dottrina politica. Non vanno mostrati i colori davanti ai problemi, servono solo persone oneste, serie e motivate che abbiano voglia di cambiare in meglio la situazione”.

Sopra, "Notte a 5 Stelle" per la consegna delle liste

Un Comune può aiutare a risolvere il problema della disoccupazione e della precarietà del lavoro?

“Certo, su questo anche il Comune può fare qualcosa. Proporre uno sgravio fiscale alle aziende che assumono a tempo indeterminato è già un segnale politico che contribuisce alla risoluzione del problema, anche se in minima parte”.

Per consegnare le firme a sostegno della vostra lista, avete trascorso la notte davanti le porte del Municipio. Come commenta questo fatto?

“Dico solo che siamo gente motivata. Fare la veglia, dalle 22 alle 8 dell’indomani, per presentare le firme… è quasi da matti! Però la legge prevede che se una firma è presente su più liste è valida solo quella apposta sulla lista consegnata per prima. E noi volevamo essere certi che le nostre fossero tutte valide. È un gesto forte, credo, di persone che vogliono davvero cambiare le cose”.

Come finirà?

“Come inizierà semmai. Ad elezioni concluse, per noi, si apre una nuova avventura. La fatica che stiamo sostenendo in questa campagna elettorale inciderà sulla politica di questa città, ne sono certo. Credo che si possa puntare al governo della città – il nostro programma non ha nulla da invidiare agli altri – ma sono convinto che si possa incidere anche dall’opposizione. Ad ogni modo, non mi pongo neanche il problema, qualsiasi sarà il risultato andrà bene comunque”.

a cura di Chiara Cascio

© vietata la riproduzione dei testi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.