Recita natalizia, il sindaco Consoli: «Riallineare i rapporti tra istituzioni e genitori». | | Password Magazine

Recita natalizia, il sindaco Consoli: «Riallineare i rapporti tra istituzioni e genitori».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI – «A conclusione dell’intera vicenda che ha riguardato la problematica insorta nel plesso scolastico Rodari di Moie circa la realizzazione della Recita di Natale in modalità diverse rispetto a quelle previste negli anni scorsi – ovvero rappresentare la Natività – non posso far altro che ringraziare la presa di posizione netta della Dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo Carlo Urbani, prof.ssa Patrizia Leoni, per essersi adoperata nel risolvere al meglio la questione, di cui non era a conoscenza, ed aver garantito il diritto alla recita natalizia come usualmente fatta negli anni passati».

A parlare è il sindaco di Maiolati Spontini Tiziano Consoli: «Mi sia consentito ribadire che, al di là delle strumentalizzazioni giornalistiche e politiche enfatizzate smisuratamente tanto da divenire oggetto di attenzionabilità della stampa nazionale, l’Istituto comprensivo Carlo Urbani ed il polo scolastico MICS nella sua interezza si è sempre distinto per l’alta professionalità della formazione didattica del corpo docente e delle proposte formative promosse nell’impegno di rendere consolidanti i principi della solidarietà, del senso civico, dell’accoglienza (vedasi l’ospitalità data ai Comuni di Castelbellino, Monteroberto e San Paolo di Jesi) e dell’inclusione.

Principi ispiratori volti a rafforzare l’impegno degli alunni sia a scuola che nella società, nella piena consapevolezza di far maturare in loro un’operosità intellettiva e creativa ma anche la voglia di una cittadinanza attiva e partecipativa.

Pertanto il Polo scolastico MICS nella sua interezza è una scuola moderna ed all’avanguardia per l’insegnamento e le proposte educative attuate.

La vicenda che lo ha riguardato non potrà di certo minare le basi solide su cui poggia la spina dorsale della Comunità Majolatese.

Ad ogni buon conto spero e mi auguro che vengano subito riallineati i giusti e corretti rapporti di dialogo e costruttività tra le istituzioni pubbliche ed i genitori nell’intento di riconvertire in positivo quanto negativamente possa essere sembrato alla pubblica opinione.

Che lo spirito del Natale, visto dagli occhi dei piccoli alunni della Rodari di Moje (nella loro futura rappresentazione), possa riappacificare gli animi tra la popolazione nella condivisione e nel rispetto reciproco della coesione sociale».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.