Servizi straordinari di sicurezza: un arresto, decine di denunce e segnalazioni | | Password Magazine

Servizi straordinari di sicurezza: un arresto, decine di denunce e segnalazioni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce


JESI – Nel prosieguo dei servizi di sicurezza, svoltisi per tutta la giornata di ieri nell’ambito del territorio di competenza della Compagnia Carabinieri di Jesi, oltre ai due arresti per detenzione ai fini di spaccio, numerosi sono stati i risultati.
Intanto è stata sgominata una rete di ricettatori di gasolio operante tra i comuni di Jesi, Monte Roberto e Fabriano. I militari del Nucleo Operativo, nell’ambito delle numerose perquisizioni effettuate hanno denunciato 10 soggetti, 7 stranieri (la maggior parte dei paesi dell’est) e tre italiani, ritenuti, appunto, ricettatori di gasolio. Nell’abitazione di uno degli indagati a Fabriano i militari hanno rinvenuto 40 taniche di gasolio, pari a mille litri circa, tutti di provenienza furtiva. Nell’abitazione di un altro indagato, invece, ne sono state rinvenute due taniche.
Ma i controlli di sicurezza hanno anche consentito di riarrestare in flagranza di reato G.I. per evasione, il quale, dopo la convalida dell’arresto, è stato nuovamente collocato agli arresti domiciliari.
Durante il monitoraggio delle Stazioni ferroviarie, fermate di autobus e luoghi a forte concentrazione di giovani, i militari hanno denunciato due extracomunitari per guida sotto l’effetto di stupefacenti, 3 giovani per guida in stato di ebrezza, mentre sono stati segnalati 8 giovani, 4 extracomunitari per uso di sostanze stupefacenti, mentre altri 4 giovani sono stati segnalati per uso di gruppo di droga. Questi ultimi sono stati sorpresi mentre all’interno di un’autovettura tiravano cocaina.
In totale, oltre ai 200 grammi di hashish sequestrati al marocchino e tunisino arrestati, sono stati sequestrati altri 30 grammi di droga tra hashish, marijuana e cocaina.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.