Si è recata alla Polizia Municipale la ragazza dileguatasi dopo l'incidente | Password Magazine
Festival Pergolesi

Si è recata alla Polizia Municipale la ragazza dileguatasi dopo l'incidente

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Ha probabilmente accolto il consiglio della Polizia Municipale di Jesi comparso sui quotidiani e si è presentata spontaneamente al Comando dei Vigili Urbani la ragazza 25enne che lunedì pomeriggio, dopo essere rimasta coinvolta in un incidente stradale, all’incrocio tra via San Francesco e via Paladini, si è allontanata senza lasciare i propri dati. La giovane ha declinato ai Vigili le proprie generalità ed ha dato la disponibilità ad assumersi ogni responsabilità derivanti dal sinistro, mostrandosi particolarmente collaborativa. I Vigili hanno subito proceduto alla nomina del suo avvocato di parte, dando seguito a tutti gli atti previsti di polizia giudiziaria, anche a tutela dell’uomo che, in sella ad uno scooter, nell’incidente è rovinato in strada riportando ferite e danni al suo mezzo.

Epilogo positivo, dunque, per una vicenda che ha visto anche alcuni cittadini che si trovavano a passare nel luogo dell’incidente fornire informazioni utili.

La Polizia Municipale fa appello ai conducenti di qualsiasi mezzo di fermarsi sempre dopo un incidente, soccorrere eventuali feriti, scambiare le generalità ed i dati delle assicurazioni con la controparte ed aspettare l’arrivo della pattuglia. La legge prevede per chi non presta soccorso ai feriti la reclusione da 6 mesi a 3 anni e la sospensione della patente di guida da 1 a 3 anni.

L’Amministrazione comunale ringrazia la stampa per la diffusione della notizia comparsa su tutti i quotidiani e sulle locandine che avrebbe spaventato chiunque si fosse sentito “ricercato” ed i meritori cittadini che hanno collaborato con il Corpo della Polizia Municipale di Jesi.

Comunicato da: Comune di Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.