Super caldo, bollino rosso anche nel week end: soccorsi in tilt | | Password Magazine

Super caldo, bollino rosso anche nel week end: soccorsi in tilt

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
La foto è stata scattata ieri, lungo via Gallodoro

VALLESINA – Il super caldo non dà tregua: si è soggetti a prove di resistenza, al chiuso o all’aperto, per le strade e nelle piazze, costantemente alla ricerca di un po’ di refrigerio. L’attenzione è catturata dai termometri digitali che, in questi giorni, rilevano temperature al di sopra dei 40°, alcuni anche sopra i 50°.

C’è chi trova sollievo nei locali climatizzati e centri commerciali. Chi è costretto ad uscire è alla costante ricerca di un po’ di ombra anche se non attenua l’afa.

Neanche andare in spiaggia offre sollievo: l’acqua del mare è calda e l’umidità si fa ancora più intensa, dicono i frequentatori. Molti i malori inoltre che si sono registrati lungo la battigia. Grande stress ricade sui soccorsi sanitari e i centralini del 118. Sfrecciano per le strade ambulanze e automediche: c’è chi si è sentito male in strada e chi alla guida, a causa delle ondate di calore e degli sbalzi di temperatura dovuti all’utilizzo di aria condizionata. Affollato il Pronto soccorso di Jesi, dagli spazi di per sé già limitati, dove sono stati dirottati i pazienti di quello di Ancona, da ieri al collasso.

Al Carlo Urbani, preoccupa il problema dell’impianto di condizionamento che, ancora, non funziona in modo omogeneo e con la stessa efficacia in tutte le Unità operative: il Tribunale per i Diritti del Malato sta attrezzando in questi giorni i reparti con più difficoltà – Ortopedia, Reumatologia e Ostetricia/Ginecologia – di condizionatori portatili.

Ma l’emergenza continua perché il Ministero della Salute ha dichiarato bollino rosso per tutto il week end, sebbene si preveda una grado di meno rispetto alle temperature registrate ieri. Il prolungarsi del clima torrido può avere effetti negativi sulla salute di persone sane e attive e non solo sui sottogruppi a rischio come gli anziani, i bambini molto piccoli e le persone affette da malattie croniche.

Tanto più prolungata è l’ondata di calore, tanto maggiori sono gli effetti negativi attesi sulla salute.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.