«Vallesina, quasi 500 profughi entro marzo»: Lega a Jesi per dire STOP all’invasione

JESI – Nelle Marche si spendono circa 63 milioni di euro l’anno per il sistema accoglienza profughi: oltre 5 mila le presenze accolte nella nostra regione, di cui 4273 nei centri di accoglienza  straordinaria e 760 negli SPRAR (dati 24/11/2017). La provincia di Ancona è quella che accoglie di più con un totale di 1423 richiedenti asilo registrati lo scorso anno.

Questa la fotografia emersa dall’incontro “Stop invasione” svoltosi ieri sera a Palazzo dei Convegni su iniziativa della Lega,  con la partecipazione del Sen. Paolo Arrigonicomponente del Comitato parlamentare Schengen e Commissario per la Lega nelle Marche. Presenti anche alcuni dei candidati Lega delle Marche con Silvia Gregori, in lizza per il Senato a fare gli onori di casa. A Jesi anche il capolista del collegio proporzionale Marche Centro Giuliano Pazzaglini e Santa De Angelis, anche loro candidati al Senato. Per il proporzionale alla Camera Marche Nord, presenti i candidati Luca Paolini e Francesco Luciani

Con il nuovo bando che a inizio gennaio ha visto subentrare alla vecchia gestione dello SPRAR un consorzio di cooperative, il Comune di Jesi e gli altri 21 comuni che fanno parte dell’Azienda Sanitaria Provinciale vedranno in pochi mesi quintuplicare i sedicenti profughi “accolti” a spese della comunità. Ai 100 già presenti se ne aggiungeranno ad inizio febbraio altri 100, per arrivare a fine marzo a quasi 500! Un numero enorme, specialmente se inserito nel contesto delle criticità presenti sul territorio: dagli irregolari al campo rom abusivo”: così Arrigoni ha commentato i numeri previsti dalla nuova gestione per i richiedenti asilo a Jesi e più in generale nella provincia di Ancona.

Mi preme ricordare – ha aggiunto –  che l’assoluta maggioranza di coloro che fanno richiesta d’asilo è composta da migranti economici, dunque clandestini! Queste persone, grazie anche al sistema SPRAR, ottengono tramite le cooperative benefit di ogni genere: colazione, pranzo, cena, tessera telefonica, Wi-Fi, mediatori culturali al loro servizio e persino un parrucchiere personale!”

La Lega ha parlato di fallimento della gestione, ormai fuori controllo, dell’immigrazione irregolare nel nostro Paese: “A smentire le rassicurazioni di Minniti e del Governo del PD, l’analisi dei dati nazionali evidenzia un aumento nel 2017 dei richiedenti asilo rispetto ai 123.600 del 2016. Lo scorso anno infatti questi sono stati 130.180 un numero peraltro anomalo superiore del 10% rispetto ai 119.310 sbarchi! Inoltre si registra un preoccupante peggioramento dell’inefficienza dello Stato proprio nell’esame delle richieste di asilo: mentre nel 2016 le richieste esaminate sono state 91.102, lo scorso anno sono precipitate a 77.562. Com’è giustificabile un calo del 15% a fronte dei proclami del ministro Minniti, che con un decreto dello scorso aprile si proponeva di ridurre i tempi, vergognosi, che in Italia sono di ben due anni per la valutazione delle richieste d’asilo?

Questi numeri – continua il Senatore – non tengono inoltre conto degli ultimi dati forniti per il 2017 dal Dipartimento di Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno: a inizio novembre su circa 39mila stranieri irregolari censiti nel nostro Paese soltanto 17mila risultavano effettivamente allontanati. In particolare nella provincia di Ancona su 122 irregolari rintracciati ne sono stati rimpatriati soltanto 39!”.

Quasi il 70% di queste persone sparisce dai radar. Dopo i controlli e l’ordine di espulsione da parte del Questore, non abbiamo idea di che fine facciano ed è ragionevole pensare che per vivere debbano delinquere”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.