"Viaggio in Italia" con il XVIII Festival Pergolesi Spontini | | Password Magazine

“Viaggio in Italia” con il XVIII Festival Pergolesi Spontini

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “Viaggio in Italia” è il tema del XVIII Festival Pergolesi Spontini, a cura della Fondazione Pergolesi Spontini, che si terrà dall’1 al 29 settembre in teatri, piazze, chiese, abbazie e luoghi d’arte di Jesi e dintorni. Il Festival 2018 traccia itinerari in musica lungo la penisola, seguendo le strade percorse dai gentiluomini del nord nei secoli del “grand tour” in Italia: Roma, Venezia, Napoli, i viaggi lungo l’Adriatico. In programma inediti, nuove composizioni e scoperte. Due le opere in cartellone, il 2 settembre “Il Noce di Benevento” una rarissima opera da camera del compositore jesino Giuseppe Balducci in prima esecuzione italiana in tempi moderni, ed il 22 settembre “Le metamorfosi di Pasquale”, partitura inedita del giovane Gaspare Spontini. Completano il programma numerosi concerti, tra i quali i “Racconti di viaggio”, ed un ciclo di appuntamenti alla scoperta dei preziosi organi veneti nella terra di Pergolesi e Spontini.

Leopardi e la musica, Leopardi e la tavola. Le lettere del grande poeta recanatese che parlano di cibo e vino, ed inoltre il suo amore per la musica di Giachino Rossini che sembra fare da colonna sonora nel peregrinare di Giacomo Leopardi da Recanati, a Roma, Bologna, Firenze e Napoli, si intrecciano nell’evento che inaugura la XVIII edizione del Festival Pergolesi Spontini, il concerto per voci e pianoforte“Di Vino infinito. Divagazioni leopardiane” sabato 1 settembre alle ore 19,30 alla Galleria di Palazzo Pianetti di Jesi. Il concerto è introdotto e commentato dal giornalista ed esperto di enogastronomia Carlo Cambi e dal direttore artistico del Festival, Vincenzo De Vivo; al pianoforte Alessandro Benigni, nella compagnia di canto affermati interpreti quali il soprano Yuliya Poleshchuk, il mezzosoprano Mariangela Marini, il tenore Antonio Garés, il basso Baurzhan Anderzhanov. Organizzato in collaborazione con Centro Nazionale di Studi Leopardiani, Musei Civici di Jesi e Istituto Marchigiano di Tutela Vini in occasione del 50° anniversario della D.O.C. del Verdicchio dei Castelli di Jesi, l’appuntamento sarà preceduto alle ore 18,30 da un brindisi inaugurale sempre a Palazzo Pianetti. In programma le più celebri arie d’opera di Gioachino Rossini (di cui si celebra il 150esimo della morte), da Il barbiere di SivigliaIl turco in Italia, L’italiana in Algeri, La Cenerentola, Torvaldo e Dorliska, La donna del lago, Semiramide.

Dopo il concerto inaugurale, il Teatro Pergolesi di Jesi ospita domenica 2 settembre alle ore 21 la prima rappresentazione italiana in epoca modernadell’opera “Il noce di Benevento” di Giuseppe Balducci (1796 Jesi -1845 Malaga), Si tratta dell’opera buffa in due atti che l’autore jesino scrisse nel 1837 come opera da camera per sei cantanti, tutte donne, di cui una interpreta un ruolo en travesti, con l’accompagnamento di tre pianisti su due pianoforti, organico che rende quest’opera più unica che rara. Sul modello dell’opera comica francese, “Il noce di Benevento” si compone di parti musicali e dialoghi parlati.

Con la direzione di Alessandro Benigni, la regia le scene ed i costumi di Davide Garattini Raimondi, l’opera si avvale di una compagnia di canto tutta al femminile – Anastasia Pirogova (Geltrude), Yuliya Poleshchuk (Clodina), Mariangela Marini (Alberto),Chiara Carbone (Margherita), Martina Rinaldi (Giulia), Magda Krysztoforska-Beucher (Lauretta) – e di tre esecutori su due pianoforti: Claudia ForesiEnrico Cicconofri e Marta Tacconi. L’allestimento, realizzato per l’occasione dagli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Macerata, è una nuova produzione della Fondazione Pergolesi Spontini in collaborazione con Accademia d’arte lirica di Osimo; la revisione critica della partitura è a cura di Jeremy Commons.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.