A Jesi un Coordinamento per votare NO alle modifiche della Costituzione | | Password Magazine

A Jesi un Coordinamento per votare NO alle modifiche della Costituzione

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – E’ nato a Jesi un gruppo di cittadini di diversa provenienza sociale, politica e professionale accomunati dalla preoccupazione per i contenuti e le modalità del processo di riforma costituzionale messo in atto dal Governo. Ad ottobre, infatti, il popolo italiano sarà chiamato a votare per il Referendum Costituzionale: un sì o un no senza quorum al DDL Renzi – Boschi approvato in parlamento il 12 aprile scorso, con meno di 2/3 dei voti necessari per le modifiche della Carta Costituzionale, che sarà “ri(de)formata per 40 articoli su 139”.

Tra i promotori del Coordinamento per la Democrazia Costituzionale – Jesi alcune associazioni (Anpi, Arci, Libera) e soggetti politici e sindacali (Fiom, Sel, Possibile, Prc e Meetup “Spazio Libero” – Jesi) nonché singoli cittadini.

Tante persone hanno deciso di formare un fronte comune, il più ampio possibile, per salvare la Costituzione e la sovranità popolare, ritenendo che “sarebbe stato inutile, se non dannoso, provare a condurre questa battaglia fondamentale da soli, sprecando le energie in ordine sparso”.

L’appello per il NO alla Riforma Costituzionale  è aperto all’adesione di tutti coloro che ne vorranno condividere idee e spirito: nella conferenza stampa di presentazione di mercoledì scorso, i membri del Coordinamento hanno illustrato il frutto di una straordinaria cooperazione: oltre cento firme già raccolte in città per l’appello a votare “NO” e circa 700 in Vallesina  per i referendum abrogativi di alcuni punti dell’Italicum.

“Un gruppo coeso, unito, nel portare avanti una battaglia per la difesa della Costituzione e del suo lascito – dicono i promotori Maria Teresa Mancia, Vito Cantarini, Sergio Ruggeri, Daniele Fancello – Tutta la città può riflettersi in questo gruppo, così diversificato per età, professioni, provenienza sociale e politica. Ci siamo assunti la responsabilità di fare il primo passo: obiettivo arrivare ad ottobre forti nel dire NO, richiamando l’attenzione di tutti sulla necessità di prendere parte al dibattito al fine di giungere ad una decisione consapevole”.

L’adesione all’appello resta aperta a chiunque, basta inviare il proprio cognome, nome e attività ad uno dei seguenti indirizzi:

comitatoperilnojesi@gmail.com

Pagina FB: Coordinamento per la Democrazia Costituzionale – Jesi

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.