Astralmusic

A scuola di legalità: nuova casa per “Le Agende Rosse” presso l’Istituto “L. Lotto”

Astralmusic
Da sinistra la Dirigente Fiordelmondo, l'assessora Quaglieri, l'avv. Antonelli

JESI – Nuova sede per il gruppo provinciale C. Alberto Dalla Chiesa e E. Setti Carraro” dell’associazione “Le Agende Rosse”, ricavata all’interno di locali appositamente dedicati e messi a disposizione dell’Istituto Lorenzo Lorenzo di Jesi (Corso Matteotti, 96). 

Un punto di ascolto e di riferimento, in un’area prevista all’interno della biblioteca, dove studenti e cittadini potranno confrontarsi, leggere liberi e documentarsi su eventi e personaggi che hanno segnato la storia nella lotta contro le mafie: «Legalità e rispetto sono valori importanti da trasmettere alle nuove generazioni – ha detto la dirigente dell’Istituto comprensivo Lorenzo Lotto dott.ssa Maria Rita Fiordelmondo  La rete di collaborazione con Agende Rosse è parte di un percorso pensato per trasmettere agli studenti e alla comunità un forte segnale di contrasto delle mafie e dei comportamenti mafiosi»

Salvatore Borsellino, fratello del magistrato Paolo, ha acconsentito che l’Istituto diventasse sede provinciale dell’associazione, perché la battaglia a favore della legalità deve iniziare sui banchi di scuola con il coinvolgimento delle Istituzioni.

«Il Comune di Jesi c’è e continuerà ad esserci in questa lotta – fa sapere l’assessora alle Politiche sociali Maria Luisa Quaglieri – Avere nella nostra città la sede territoriale provinciale è un punto di partenza per dare voce ad un messaggio che deve sensibilizzare in primis i nostri giovani».

Parole di ringraziamento nei confronti dell’Amministrazione da parte di ​​Alessandra Antonelli, coordinatrice e portavoce del gruppo “C. Alberto Dalla Chiesa e E. Setti Carraro” di Ancona e provincia dell’associazione “Le Agende Rosse”: «Il Comune di Jesi si è più volte dimostrato sensibile ai nostri valori, patrocinando le nostre iniziative e concedendo subito la cittadinanza onoraria al magistrato Antonino di Matteo – ricorda l’avvocatessa Antonelli – Attraverso questo presidio di legalità creeremo un punto di incontro e di ascolto che si estenderà a tutto il territorio provinciale».

Ad iniziare dal calendario degli eventi del “Festival della Legalità 2018”, che vedrà il gruppo presente nelle province di Ancona, Pesaro-Urbino e Macerata, alcuni dei quali organizzati in collaborazione con il gruppo Agende Rosse di Pesaro-Urbino e con l’Associazione Fuoritempo. Prossimo appuntamento venerdì 23 marzo a Jesi, “La Mafia non esiste? Chi e perché vuole farlo credere”, incontro con l’ispettore di Polizia e segretario  e segretario generale SIAP Palermo Luigi Lombardo. Il calendario degli eventi proseguirà poi il 27 marzo a Cingoli con l’incontro, presso l’Istituto alberghiero, con Salvatore Borsellino e lo chef Filippo Cogliando. A Jesi di nuovo venerdì 6 aprile con “Questione di rispetto – la regola delle 3 ‘R'” insieme all’imprenditore anti-racket Gaetano Saffioti mentre il 19 aprile, ad Ancona, si parlerà de “La Strage di Capaci: paradossi, omissioni e altre dimenticanze” con Angelo Corbo, già agente di scorta del dott. Giovanni Falcone e sopravvissuto alla strage. Torna poi a maggio la ciclostaffetta “In bicicletta sulle strade della giustizia: tra ricordo e impegno” che coinvolgerà i territori dei Comuni di Jesi, Cingoli, Filottrano e Fano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*