Nomina Niccolaini, le considerazioni del Comitato Nessuno Tocchi Pergolesi | | Password Magazine

Nomina Niccolaini, le considerazioni del Comitato Nessuno Tocchi Pergolesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Dopo la nomina dell’avv. Patrizia Niccolaini, eletta dal Consiglio comunale per ricoprire l’incarico di presidente del Comitato dei Garanti, Nessuno Tocchi Pergolesi invia le proprie considerazioni in merito:

“L’Amministrazione comunale ha provveduto, con quasi cinque anni di ritardo, a perfezionare la composizione del “Comitato dei garanti”, cioè dell’organo che deve giudicare l’ammissibilità dei referendum promossi in sede cittadina. Su proposta e con i voti della maggioranza consiliare è stato nominato l’avvocato Patrizia Niccolaini di Ancona, che andrà a presiedere detto comitato.
Osserviamo, intanto, che sarebbe stato possibile, individuare a Jesi persone autorevoli, competenti e capaci di rispondere alla delicatezza del ruolo. Ci sono molti modo di dimostrare considerazione e rispetto per la propria città: questo poteva essere uno.
Inoltre i componenti di un organo di garanzia, dovendo assicurare in via preliminare la assoluta indipendenza di giudizio, sarebbe preferibile che non avessero conclamate pubbliche appartenenze di partito. Purtroppo nel caso attuale ciò non si verifica. Con ciò non vogliamo avere pregiudizi di sorta; staremo ai fatti e li giudicheremo con serenità e oggettività.
Ci auguriamo in ogni caso che il Comitato dei garanti si riunisca e decida in fretta l’ammissibilità del referendum da noi proposto. Annunciamo che inoltreremo immediatamente la richiesta di essere ammessi ad una audizione, come previsto dalla normativa vigente, per illustrare ai Garanti le ragioni che ci spingono a chiedere di non privare il monumento a Pergolesi della centralità che esso attualmente occupa rispetto alla chiesa di San Nicolò, al santuario delle Grazie e al palazzo Amatori.
Preso atto della data delle consultazioni amministrative -11 giugno – sappiamo che, in base all’attuale regolamento, non sarà possibile realizzare il referendum entro i prossimi sei mesi. Confidiamo che l’amministrazione vorrà attendere l’espletamento del referendum prima di procedere all’eventuale consegna dei lavori. E’ l’unico modo democratico per rispettare la volontà dei cittadini”.

 

Comunicato da: Nessuno Tocchi Pergolesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.