Aborto e consultori, donne unite in flash mob per la tutela dei diritti | Password Magazine
Festival Pergolesi  

Aborto e consultori, donne unite in flash mob per la tutela dei diritti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
JESI – Anche a Jesi come ad Ancona e in altre città marchigiane, manifestazione di protesta in risposta alle dichiarazioni della giunta regionale riguardo alla somministrazione della RU486, la pillola per l’interruzione di gravidanza.
Durante il Consiglio regionale di metà dicembre, l’assessore alle Pari Opportunità Giorgia Latini aveva infatti annunciato la volontà di «avviare una verifica di compatibilità delle linee guida del ministero della Salute con la legge 194 perché riteniamo che i consultori debbano essere luoghi di assistenza e approfondimento e non di esecuzione dell’interruzione di gravidanza che, come previsto dalla legge stessa, deve restare in ambito ospedaliero,  dove le modalità di ricovero saranno demandate alla valutazione del medico e della direzione sanitaria».
Le linee di indirizzo sull’aborto farmacologico promulgate dal ministero della Salute il 4 agosto scorso rendono infatti possibile interrompere una gravidanza con i farmaci, Ru486 e prostaglandine, fino alla nona settimana di gestazione, in ospedale in day hospital o in consultori e ambulatori adeguatamente attrezzati.
Un annuncio in linea con le politiche già attuate in Umbria e in Piemonte (anche se con modalità diverse) e che ha sollevato la protesta delle donne marchigiane, scese oggi in strada, davanti alle sede dei consultori al grido di «La Regione arretra, Le Donne Avanzano».
altra idea di città
Foto da Altra Idea di Città
«Le dichiarazioni della Giunta – dicono le attiviste di Altra idea di Città – lasciano presagire un forte arretramento sulle politiche socio sanitarie e a contrasto della violenza sulle donne. La Regione ha dichiarato guerra alle donne e al loro diritto di scelta sui loro corpi».
«Una giunta che, con la presenza di una sola donna, è al limite della legalità . si legge sulla pagina di UDI Jesi – e la cui assessora alle pari opportunità ha completamente svuotato di senso il suo ruolo. Noi rispondiamo così alla giunta Acquaroli: che il diritto all’autodeterminazione delle donne non si tocca».

Oltre a Jesi e ad Ancona, flash mob anche a San Benedetto del Tronto, Fabriano, Fermo, Macerata, Senigallia, Recanati, Civitanova Marche e Fano.

«La Giunta regionale ha dichiarato guerra contro le donne, contro la loro libertà ed il loro diritto alla autodeterminazione – scrive l’associazione Artemisia di Fabriano – Rispondiamo a tutto questo dicendo ad alta voce che i diritti non si toccano e che continueremo a lottare con le donne e per le donne».

Da Non Una di Meno Macerata: «La verità è che i consultori marchigiani sono strutture cannibalizzate da un’obiezione di coscienza massiccia e consolidata, che va dall’80% del maceratese al 100% del fermano. La somministrazione della pillola abortiva RU 486 non ha mai davvero preso piede (solo il 6% delle interruzioni di gravidanza, nelle Marche, avviene con metodo farmacologico, fanalino di coda di un dato nazionale già deprimente, il 21%) e a Macerata, di fatto, non viene somministrata, né nei consultori né altrove».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.