Matt Cancelleria
Vai al Sito

Premio Vallesina, una serata di solidarietà tra i talenti del territorio

SAN MARCELLO – Si è aperta sulle note musicali del corpo bandistico di San Marcello la 9^edizione del Premio Vallesina, ospitata presso la splendida cornice dell’ex convento di Montelatiere.

Una serata tra premiazioni, spettacolo e solidarietà con la conduzione dell’energico Paolo Notari e la direzione artistica di Giuliano De Minici per l’appuntamento biennale volto a valorizzare le intelligenze e le capacità degli uomini e delle donne della Vallesina che hanno saputo distinguersi a livello nazionale ed internazionale in un ambito specifico: nelle scienze, nella medicina, nell’arte, nella musica, nello spettacolo, nella letteratura, nella poesia, nel turismo,  nell’attività sociale, nell’imprenditoria, nelle libere professioni e nello sport.

La premiazione di Federica Cascia

Premiati Federica Cascia di Moie di Maiolati Spontini (categoria professioni), Lorenzo Giacani di Jesi (categoria medici ricercatori), Mario Marchetti di San Marcello (premio alla carriera), Luca Cesaretti di Jesi (giovani emergenti), suor Eleonora Majori di Jesi e Massimo Costarelli, presidente dell’associazione Solidarietà in Vallesina Onlus (categoria sociale), Roberto e Rolando Cecchini di Mergo (imprenditoria).

Sono loro ad aver ricevuto la statuetta Ulisse, simbolo dell’uomo che viaggia nel mondo ed è sempre aperto a nuove esperienze, realizzata dall’artista Floriano Ippoliti.

La premiazione del presidente della onlus Solidarietà in Vallesina Massimo Costarelli

La serata ha alternato momenti solenni e istituzionali allo spettacolo e all’intrattenimento, con la comicità di Pier Massimo Macchini, la simpatia di Frate Mago e la Mina di Susanna Amicucci.

Tra il pubblico, autorità, forze dell’ordine e rappresentanti della politica locale e regionale, tra cui il presidente del Consiglio regionale Antonio Mastrovincenzo.

Crederci sempre, arrendersi mai: questo il messaggio condiviso dai premiati con il pubblico, raccontando della loro esperienza, di come, credendo fermamente in se stessi, siano riusciti a proseguire nel loro percorso, talvolta arduo, ma con risultati sorprendenti.

La premiazione di Suor Eleonora Maiori

Il tutto nella cornice dell’ex convento Montelatiere, al centro di un ambizioso progetto che il sindaco Pietro Rotoloni e l’Amministrazione comunale stanno portando avanti già da alcuni anni con impegno e determinazione. L’imponente struttura monastica cambierà destinazione: si chiamerà “Villa Oasi” e diventerà un Centro riabilitativo socio sanitario, con 20 posti letto, per accogliere, dopo la fase acuta, le persone con problemi causati dai comportamenti alimentari (anoressia, bulimia, ecc.).

Al termine della serata di gala per la premiazione dei vincitori, l’associazione Premio Vallesina Onlus, che negli ultimi anni ha già donato 135 mila alla solidarietà, ha devoluto l’incasso della serata in beneficenza, destinandolo alla missione ad gentes in Guatemala di Suor Eleonora Maiori, all’associazione Solidarietà in Vallesina, che segue ben 2.500 persone in stato di difficoltà sul territorio, e a Frate Mago al secolo padre Gianfranco Priori per la ricostruzione del santuario della Madonna dell’Ambro a Montefortino colpito duramente dal terremoto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*