Addio a Franco Mancini, figura storica nei vigili del fuoco. Fondò lo Jesi Sporting Club | Password Magazine

Addio a Franco Mancini, figura storica nei vigili del fuoco. Fondò lo Jesi Sporting Club

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Franco Mancini

JESI – Nella mattinata odierna all’età di 88 anni è deceduto l’ex Capo Reparto dei vigili del fuoco Franco Mancini.

Figura storica per i Vigili del fuoco di tutta la provincia e particolarmente di Jesi dove ha svolto dal 1970 al 1991 il ruolo di Capo distaccamento. È stato un riferimento constante e altamente stimato dal personale, sempre pronto a mettere a disposizione degli altri le conoscenze e le spiccate competenze professionali che, senza mai risparmiarsi, sapeva coniugare con  un alto senso di responsabilità e disponibilità.

Iniziò la carriera nel Corpo negli anni ’60 prestando servizio a Roma, giunse poi al Comando provinciale di Ancona e successivamente venne nominato Capo distaccamento di Jesi.

Nella sua quarantennale carriera da soccorritore è intervenuto in tutte le maggiori calamità che hanno colpito l’Italia come la frana del Vajont, l’alluvione di Firenze, i terremoti del Belice, di Ancona, dell’Irpinia e la frana del capoluogo dorico del 1982.

La triste notizia ha destato sconforto tra tutto personale del Comando Provinciale e il Comandante, ing. Mariano Tusa, che si uniscono al dolore della famiglia per la desolante perdita.

«Un uomo che ha dato tanto a tutti, nei vigili del fuoco ha lasciato un segno indelebile» sono le parole del nipote Nicolò Polidori.

A Jesi Franco Mancini era noto anche per lo Jesi Sporting Club di via Contuzzi, punto di riferimento per tutta la città.
Lo fondò nel 1987 seguendo l’idea del maestro di tennis Carlo Polidori, istruttore in quel periodo presso il Circolo Cittadino di Jesi. Con l’aiuto determinante della famiglia Mancini, d’intesa con l’Amministrazione comunale di allora, nacque una struttura moderna e funzionale al servizio della cittadinanza, con forte propensione all’insegnamento del tennis ed alla formazione di atleti a vari livelli. Un club che accettava tutti, senza fare distinzione tra persone di qualsiasi estrazione sociale, culturale e di provenienza geografica.

«Era amico di tutti senza distinzioni, aveva capito la vera inclusione – spiega il nipote-. Lo sport jesino lo ha abbracciato con tutto il suo amore. Sempre disponibile per le aperture, anche il 25 dicembre se volevi giocare a calcetto lui apriva sempre. In città ha lasciato il segno senza chiedere nulla. Mi ha sempre incoraggiato, ha aiutato sempre. Per lui costruire qualsiasi cosa con il filo di ferro era come mangiare il pane. Non basterebbe un libro per raccontare tutte le tue avventure». Un grande leone che farà sempre parte dei grandi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.